DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Cogliere i primi segnali della depressione


Giovedì 17, Maggio 2018
in  Libera-Mente


'Perché capitano sempre tutte e me?' 
'Cos'ho fatto di male per meritarmi questa situazione?'
'È inutile, perché per quanto mi possa sforzare le cose andranno sempre male e non c'è nulla che possa fare'.
A chi non è mai capitato di imbattersi almeno una volta nella vita in pensieri di questo tipo o di ascoltarne impotente l'espressione?
La mente umana, nella sua incessante ricerca di significato, esprime la necessità di dare senso all'esperienza in generale e all'esperienza del dolore e della sofferenza nel suo insieme. Ecco, allora, i meravigliosi tentativi del cervello di sistemare ció che non torna con la ricerca di ricorsività e di regole: 'Capitano sempre tutte a me', con quell'auto-commiserazione che ha i tratti dell'ego-centratura: 'Cos'ho fatto di male per meritarmi questo?', o con la resa anticipata: 'Non c'è nulla che possa fare'...
Le espressioni sopra citate possono contenere molteplici indicatori diagnostici e/o di funzionamento all'esame attento di uno psicopatologo, senza essere necessariamente manifestazione di un disturbo. Cosa segna, in questo caso, il confine tra uno sconforto atteso, probabilmente conseguente a un evento critico, e la possibile insorgenza o lo sviluppo di una patologia psichica, ad esempio di tipo depressivo?
La presenza costante o per la maggior parte della giornata di pensieri di questo tipo, che in termini clinici vengono definiti: 'Ruminazioni', rappresenta un indicatore possibile di patologia, in particolar modo se tali da interferire negativamente con lo svolgimento delle normali attività quotidiane. In situazioni di particolare gravità, la persona giunge addirittura a perdere la connessione tra l'evento causale e le stesse ruminazioni, culminando in un senso di catastrofismo generalizzato e tale per cui anche un evento di minima entità diventa capace di produrre una destabilizzazione importante sul piano cognitivo, umorale e somatico. 
La scienza ci sta dimostrando, nella conferma ormai definitiva dell'integrazione mente-corpo, quanto non sia così rilevante definire se siano pensieri negativi costanti a condurre a un umore depresso o viceversa, ma come le cosiddette ruminazioni rappresentino soltanto una delle possibili conseguenze sintomatologiche di un problema più esteso chiamato: 'Depressione'. Coglierne il prima possibile i segnali a livello intra-personale o nelle nostre relazioni significative e intervenire tempestivamente con una psicoterapia specifica puó permettere di prevenire esiti infausti. L'intervento clinico in fase iniziale puó non solo favorire la stabilizzazione dei sintomi anche in assenza di terapia farmacologica, ma sostenere l'implementazione di strategie di funzionamento alternative dedicate e protettive in termini di ricadute.
La mente umana e le sue espressioni cerebrali presentano in sé risorse e potenzialità immense che, di tanto in tanto, possono andare incontro a blocchi, stagnazioni o vere e proprie fratture su cui è possibile intervenire per rilanciare la meravigliosa cosa che siamo, numerosa e una, in direzione di sfide personali piene di significato.

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento