DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Domenica 10 dicembre


Mercoledì 13, Dicembre 2017
in  Il Vangelo della Domenica


Con il Vangelo di questa domenica ci viene indicata una via da scoprire, da preparare e un messaggero da riconoscere. Una via che al tempo di Gesù, passava dal deserto, una voce che era quella di Giovanni, messaggero del Signore che invitava alla conversione e che annunciava la venuta del Messia. 
È attraverso questa via preparata che Gesù venne all'uomo, ma perché Egli proponesse un'altra via lungo la quale muovere i passi, quella che, seguendo il Cristo, va verso il Padre. Gesù disse: 'Io sono la Via... nessuno viene al Padre se non per mezzo di me!' (Gv 14, 6) 
La parola che ci viene consegnata comincia con l'espressione 'inizio del Vangelo'! Letteralmente potremmo tradurre con 'inizio di una buona notizia'. Lo fu al tempo di Gesù, la notizia della venuta del Messia! Lo è anche oggi per noi... per tutti quanti noi è riservato un 'inizio di Vangelo' ossia un inizio di buone notizie che annunciano il Dio che viene. È certamente una buona notizia e questo tempo di Avvento - questo tempo di attesa - ci è concesso per preparare una via, per ascoltare il messaggero di buone notizie e riconoscere una venuta del Dio che salva.
Innanzitutto preparare la via... ma come? Credo semplicemente rimanendo in attesa, custodendo il nostro posto come le sentinelle che sono di vedetta. Sono lì e attendono senza addormentarsi e senza fuggire. È un po' quanto ci esortava a fare il Vangelo di domenica scorsa. Stare al proprio posto, lì dove siamo stati messi, accettando di passare attraverso il nostro cuore, attraverso la nostra povertà, le nostre ricchezze, il nostro deserto e i nostri giardini, le nostre crisi e le nostre gioie, perché sono in esse che Gesù continua incessantemente a nascere. È sufficiente dunque restare svegli, prestare attenzione, spegnere per un istante l'interminabile concatenazioni di distrazioni, ripulire la nostra mente da tutto il groviglio delle bramosie vane... tutte cose che frastornano e addormentano, narcotizzando o anestetizzando il nostro cuore.  
Stare al proprio posto come sentinelle, facendo spazio e lasciando sgombre tutte le vie possibili di accesso al messaggero di buone notizie! Siamo chiamati dunque ad imparare a cogliere i messaggeri che il Signore manda a noi. Giovanni Battista non abitava il tempio di Gerusalemme, ma un arido deserto. Forse anche per noi, i messaggeri che Dio invia possono venire non dalle chiese o dai pulpiti ma da altrove e li scopriamo abitare luoghi insoliti... ma da dove essi arrivino non importa! Essi sono portatori di buone notizie, annunciano la venuta del Signore nelle nostre vite, ci indicano l'Emmanuele, il Dio con noi, e ci educano a riconoscere il passaggio di Cristo e poi scompaiono dal nostro orizzonte, perché oramai il Maestro è riconosciuto e i nostri passi muovono sulle Sue tracce, verso il Padre. 
Sia questo allora un tempo di preparazione e di ascolto di buone notizie! 
Buona domenica!
padre Emanuele Marigliano

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento