DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Il desiderio di quell'albero di vita: Corpus Domini


Venerdì 1, Giugno 2018
in  Arte & Fede


'Azione di grazie', 'eucaristia' , 'spezzare il pane' sono i nomi diversi per  il momento forte della Chiesa nascente nel primo secolo: 'Erano assidui nell'ascoltare l'insegnamento degli apostoli nell'unione fraterna, nella frazione del pane e nelle preghiere' (At 2,42). Ed era così essenziale per loro  da sentire il bisogno di rappresentare simbolicamente quell'evento che coinvolgeva tutta la comunità cristiana, spesso in clandestinità.
 Ecco allora apparire il dipinto della  Fractio  panis (spezzare il pane) del sec. III dei cimiteri cristiani: catacomba di Priscilla, e catacomba di Callisto. Col succedersi dei secoli  quando l'Eucaristia  veniva celebrata in forma sempre più riservata dietro alle iconostasi, emergeva nei cristiani il desiderio di  vedere l'Eucaristia, l'Ostia, forma che il Pane assume  nel sec. XI e che noi oggi vediamo con inciso il simbolico trigramma di Cristo( JHS= Gesù salva-tore degli uomini) proposto da S. Bernardino da Siena nel '300. Un simbolo molto diffuso, presente anche nei palazzi di Saluzzo.
Con l'eresia di Berengario di Tour (1088), che metteva in dubbio la presenza di Cristo nell'Eucaristia  venne istituita nel sec. XIII la Festa e la Processione del Corpus Domini, ispirata da S. Giuliana di Liegi  a  Urbano IV, in seguito al mi-racolo di Bolsena.
'La Chiesa, dunque ad un certo punto della sua storia, desideró fissare lo sguardo sull'Eucaristia, sacramento cardine della sua esistenza. Non le bastó più cibarsi dell'ostia, trovó necessario guardarla. La festa del Corpus Domini nacque proprio da qui: dal desiderio di ostendere e guardare quell'Albero di vita che sta al centro del giardino della Chiesa' (Gloria Riva. Avvenire).
Il tema venne interpretato da Marc Chagall, artista ebreo, ma totalmente aperto alla cattolicità e autore delle vetrate delle maggiori cattedrali della cristianità, egli seppe assumere e rielaborare in modo originale il segno eucaristico. Nel museo  Messaggio Biblico a Nizza con le grandi tele della sua interpretazione della Bibbia, si puó ammirare la tela della Cacciata di Adamo ed Eva. Nel verdeggiante giardino dell'Eden un angelo, con la spada, scaccia Adamo ed Eva. La spada non è infuocata, ma è blu, quasi a significare il mistero di misericordia che soggiace a quel castigo. Adamo ed Eva sembrano fuggire sul gallo, che diventa simbolo di risurrezione. 
'Infatti  è proprio il gallo che addita ai progenitori la via per redimersi da quella fuga improvvisa. Il volatile volge lo sguardo verso la luce, l'albero della vita sulla cui sommità splende un disco bianco. Non si tratta del sole, che immerso nello stesso verde del giardino si trova nell'angolo alto a sinistra, si tratta invece della Presenza stessa di Dio nella cui luce si radica la Bellezza eterna.'
Il rimando all'Eucaristia è potente, segno certo della Presenza divina e cibo per una vita che non muore. Chagall l'aveva già usato altre volte e sempre per significare la necessità di sollevare lo sguardo e fissarlo su quella Presenza di luce e di misericordia che  dona la forza per riprendere il cammino della vita.
 In una tela chiamata Exodus una processione si snoda lenta in una città fumosa. Tutto è grigio Il panorama è drammatico: incendi e devastazioni, una madre precipita con la sua creatura a testa in giù. Eppure il popolo di Dio vive nella pace. Uomini, vecchi e bambini, madri e giovani spose camminano nella quiete accompagnati da Mosè che regge le tavole della legge. Dietro di loro risplende  Cristo eucaristico che a prescindere dalla croce, spalanca le braccia della misericordia e della speranza  verso ogni persona. In alto nel cielo, anche qui, un gallo: sta eretto, verde di speranza e porta con sé un bambino. Al di sotto una sposa futura madre  e altre madri con i figli. 
Corpus Domini: celebriamo le nostre processioni eucaristiche che  siano desiderabili agli occhi e al cuore, così saranno ció che esprimono: un invito a guardare in alto, a riconoscere una Presenza di amore che è luce e salvezza anche per chi non crede.

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento