DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Laici, impegnati e protagonisti


CONVEGNO DIOCESANO

Giovedý 6, Ottobre 2016
in  Vita Ecclesiale


SALUZZO- 'Chiamati alla gioia dell'amore- dal Vangelo relazioni nuove' è stato lo slogan del Convegno diocesano 2016, che si è tenuto la scorsa settimana ed ha di fatto inaugurato il nuovo anno pastorale. Ecco alcune suggestioni dalla tre sere del Convegno.
Maercoledì 28. Nella prima serata i coniugi Pina e Franco Miano, che hanno partecipato ad entrambi i Sinodi del 2014 e del 2015 sulla famiglia, hanno illustrato chiaramente l'intreccio tra quanto emerso nei Sinodi ed il contenuto dell'esortazione di Papa Francesco 'Amori Laetitia'.
«La verità sulla famiglia non viene toccata. È il modo in cui viene presentata questa verità che è nuovo. Non ci sono stati ribaltamenti delle nostre convinzioni e nemmeno della dottrina della Chiesa. Il Papa ha piuttosto invitato a camminare insieme, a lasciarsi interrogare» ha sottolineato in apertura Pina Miano.
Famiglia, Chiesa e Sinodo sono un tutt'uno, ha aggiunto il marito.
«La famiglia è un bene per la Chiesa e la Chiesa è un bene per la famiglia. Il Papa ha ricordato che non esistono famiglie perfette, quindi tutti siamo chiamati a camminare insieme. Già il Concilio, 50 anni fa, ha messo in primo piano l'importanza della corresponsabilità nella Chiesa. La famiglia è la culla delle relazioni» ha poi evidenziato Franco Miano.
Venerdì 30. La seconda serata si è aperta con la presentazione dell'icona di quest'anno, da parte di don Federico Riba. Un'opera d'arte di Chagall dal titolo 'Sopra la città', che raffigura due sposi in volo.
«Il messaggio vuole essere questo: l'amore puó far volare alto, nonostante le difficoltà. Ma in questo 'volare alto' gli sposi sono sostenuti dal cielo, un appiglio sicuro per non cadere a terra» ha rimarcato don Federico Riba.
Poi mons. Vescovo ha presentato la Lettera Pastorale 2016.
«Il Papa ha ribadito più volte l'importanza della testimonianza della famiglia. Certamente nella famiglia vi sono anche dei problemi, dei casi di abuso e violenza, ma essa resta un fondamento importante per la comunità» ha sottolineato mons. Guerrini ricordando il linguaggio concreto, positivo, dialogante e colorato dell''Amoris Laetitia'.
«L'amore, come la carità, è paziente, ma la pazienza non è buonismo. 'Fate volare i piatti, ma poi fate pace' ricorda Papa Francesco» ha aggiunto il Vescovo, soffermandosi su due atteggiamenti: guardarsi ed ascoltarsi. Guardarsi con uno sguardo che contempla l'altro, sempre, anche quando è anziano... Ascoltarsi con pazienza, attenzione, finchè l'altro non abbia finito di parlare.
Il Vescovo ha poi fissato alcune immagini. La trasformazione dell'amore, ovvero l'amore nella terza età, quando viene meno l'attrazione sessuale, ma si continua a condividere tutto il resto.
E poi il rapporto coi figli: c'è bisogno di vigilanza, ma l'ossessione è nociva. I genitori non devono dominare gli spazi dei figli, ma generare processi di maturazione delle loro libertà. Infine l'importanza della spiritualità familiare, il vero sostegno per la famiglia.
Mons. Guerrini ha appena sfiorato, in conclusione del suo intervento, il capitolo 8 dell''Amoris Laetitia', quello che ha suscitato più interesse tra i media, riguardante i divorziati e i separati.
«Il Papa ha usato tre verbi: discernere, ossia capire cosa c'è dietro una separazione; accompagnare, perché è un cammino che occorre fare insieme; integrare, ovvero far sentire tutti parte della comunità».
Sabato 1. Riuscito il terzo momento del Convegno dedicato alle testimonianze. Dopo l'Eucaristia presieduta dal Vescovo e il momento fraterno con la cena ottimamente preparata dall'Ufficio Famiglia, Gianluca Einaudi, responsabile per l'Ufficio Cultura della diocesi, ha introdotto e guidato l'ascolto degli invitati, scelti come cristiani laici attuanti in diversi ambiti di vita.
Apre il prof. Silvio Crudo, in vari modi impegnato nell'amministrazione locale, a ricordare l'urgenza per i cristiani di stare nell'ambito politico. Una società non puó vivere senza istituzioni; prendere parte alla loro gestione è una forma alta di carità. La comunità cristiana deve tornare ad essere luogo di confronto e di discernimento dove aiutare chi si impegna in politica ad affrontare le tante sfide di oggi.
Marta Sattanino, della GIOC Torino, porta la voce dei giovani chiamati dai rapidi cambiamenti in atto a vivere in modo nuovo e creativo l'alternanza: lavoro, scuola e festa. L'esperienza comunitaria basata sulla revisione di vita offerta dall'associazione puó risultare di grande aiuto per non smarrirsi.
La dirigente Paola Banchio ci fa entrare nel mondo della scuola dove i sempre più esigenti aspetti organizzativi non possono far dimenticare la centralità della sfida educativa. La fede in Gesù dona occhi ed orecchi buoni per vedere le persone, dialogare, comporre i conflitti, far crescere come famiglia e non solo come azienda la comunità scolastica.
L'ambito della vita affettiva risalta nella testimonianza di Pierpaolo Simonini. La famiglia sembra oggi un ambito troppo ristretto, ma è proprio tra le mura domestiche che si impara ad abitare il mondo, casa comune, anche il nuovo mondo virtuale. Luogo privilegiato di differenze armonizzabili che spingono a prendersi cura dell'altro; luogo di promessa dell'amore che permette di guardare con meraviglia e speranza anche al futuro.
I coniugi Rita e Giorgio Barbero, della comunità Papa Giovanni, offrono nella loro vivace testimonianza lo spaccato dell'ambito delle fragilità. Famiglia numerosa e originale la loro, dove anche i più deboli trovano un posto e un compito, dove si riesce a far festa pur nelle difficoltà, 'isola ecologica' dove nulla si perde, genera anzi nuova vita.
La serata è stata impreziosita dalle musiche del Coro diocesano J4J e conclusa dal Vescovo con la preghiera di invio. Si parte. Diocesi di Saluzzo, camminiamo!

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva - Cf. - Reg. Imprese CN n. 01893690048
Rea n. CN-142932
Direttore Responsabile: Mario BANCHIO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© SOCIETA' EDITRICE SALE E LUCE - SOCIETA' COOPERATIVA - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)