DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Lavori in Duomo per il lotto zero


Giovedì 29, Marzo 2018
in  Saluzzo


SALUZZO - 260 metri mq di affreschi su una superficie totale di 7.500. Sta prendendo forma in questi giorni il 'lotto zero' del Duomo di Saluzzo, il primo approccio al restauro interno portato avanti dal team della Temporestudio di Bra guidate da Sara Brondetta e Concetta Brancato sotto l'egida dell'arch. Claudio Ellena di Villar San Costanzo. 
Questo primo intervento ha come fine approfondire la conoscenza sull'intero apparato decorativo interno risalente agli anni 1850-1856 ad opera dei fratelli Gauteri, per definirne l'intervento di restauro. Il lotto zero è finanziato con mezzi propri dalla Diocesi di Saluzzo e prevede un impegno di spesa di 40 mila euro. La Temporestudio ha vinto la gara d'appalto superando la concorrenza di 5 ditte.
«Questo intervento conoscitivo - dice Claudio Ellena - consentirà di definire le modalità di intervento, i tempi di esecuzione ed i costi, in vista del progetto complessivo di restauro dell'intero apparato decorativo interno che, solo per le volte (a partire dal piano immediatamente superiore dei capitelli delle navatelle laterali) presenta una superficie di oltre 4.500 mq». 
Il progetto complessivo verrà suddiviso in lotti sia per questioni economiche sia per questioni operative di cantiere, garantendo così la continua fruizione della Cattedrale anche durante i lavori. 
Sospese sulle impalcature a 18 metri di altezza le restauratrici hanno fatto ritornare al loro antico splendore le pitture che impreziosiscono le volte.  Insieme ai lavori sulle superfici decorate sono in via di approfondimento anche gli interventi di restauro sui serramenti e lo studio illuminotecnico. La parte più difficile da valutare rimane l'intervento sulle vetrate, costituite dall'assemblaggio di piccoli elementi romboidali con legatura al piombo. L'attenzione al momento si concentra sui 14 serramenti laterali del Duomo, ma toccherà poi anche le 6 aperture tonde che si trovano nella zona absidale. 
In questi giorni, dopo il montaggio del ponteggio, i tecnici sono riusciti ad accedere al sito e hanno iniziato le valutazione di un possibile intervento. Sempre il ponteggio ha permesso di effettuare le prime verifiche sull'impianti elettrico e di illuminazione. È in corso lo studio sulle possibili soluzioni che a breve verranno sperimentate e simulate in loco. 
Al termine dei lavori, previsto per il 21 aprile, i fedeli potranno ammirare il lavoro compiuto dai restauratori, confrontare le differenze con la parte restante della chiesa e apprezzare il primo tassello, illuminato da sofisticati sistemi a led, che consentiranno attraverso la loro duttilità di impiego di creare diverse configurazioni di luce a seconda della funzione.
fabrizio scarpi

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento