DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Le parole per dirlo. L'evoluzione dell'uomo e del linguaggio


Giovedì 15, Marzo 2018
in  Libera-Mente


Immaginate di spiegare ad un essere proveniente da altri mondi l'essenza di un abbraccio, il vuoto dell'impotenza o la natura di una carezza dal punto di vista delle sensazioni corporee. Cercate per qualche istante di descrivere a parole la percezione somatica di un tramonto sul mare mano nella mano con l'amore della vostra vita, oppure il vissuto incarnato di quello sguardo che sarà per sempre parte di voi nell'imminenza di un addio...
Avete ragione, forse sto esagerando con l'attivazione emotiva che, probabilmente, starete notando prendere forma in maniera più o meno marcata dentro di voi, ma attenzione, non stiamo puntando l'attenzione sulle emozioni (nonostante ogni emozione abbia primariamente correlati somatici), ma sulla descrizione dei vissuti corporei elicitati dalle esperienze sopra indicate mediante la parola.
Qualche difficoltà?
È normale; assolutamente normale trovarsi in difficoltà nel reperire parole capaci di raccontare le sensazioni dal corpo e nel corpo nel qui ed ora di un qualunque scenario mentale e relazionale. 'Dolore' o 'Piacere' possono essere veicoli verbali di sensazione che, se non in maniera del tutto approssimativa, in determinati frangenti ci permettono di condividere esperienza somatica, ma è un po' come se per un'operazione di fine neurochirurgia ci dovessimo destreggiare con pala e piccone, invece di bisturi e laser.
La mente umana ha sempre cercato di fare fronte alle sfide dell'evoluzione con gli strumenti a disposizione in un dato momento, di volta in volta affinandoli, oppure rimpiazzandoli con alternativi più consoni al raggiungimento delle mete evolutive. Lo stesso processo è in corso con il linguaggio, che abita il mondo umano da circa 200 mila anni (Homo sapiens); un periodo relativamente breve se paragonato alla comparsa dell'uomo sulla terra che si attesta intorno ai 2,5 milioni di anni fa. Per questi motivi è come se il corpo avesse avuto uno spazio di sviluppo molto più ampio rispetto all'acquisizione di una competenza come il linguaggio, intervenuta in seguito come variabile fondamentale, ma pur sempre secondaria. Questo puó essere uno dei fattori capaci di spiegare la difficoltà tutta umana di trovare parole per raccontare il corpo. 
Siamo primariamente corpo e successivamente parola, è vero,  ma nonostante quanto sopra affermato l'evoluzione linguistica non è rimasta totalmente sprovvista di strumenti di narrazione e di consapevolezza somatica. È attraverso la metafora che l'uomo puó vestire di parola la sensazione nella lingua del 'Come se' di cui i bambini sono maestri. Loro sanno bene, in quanto corporeità e, dunque, verità, che forse ha molto più senso definire 'Nero' ció che noi chiamiamo impotenza, 'Mamma' ció che noi diciamo abbraccio e 'Piuma che vola' ció che qualcuno, un giorno, ci ha insegnato a nominare carezza.

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento