DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Le ricette per gli avanzi


Giovedì 12, Febbraio 2015
in  Cucina Piemontese


Le feste arrivano ed i pranzi per festeggiarli con gli amici e parenti sono molti, ed è una vera gioia averli in casa per ridere e scherzare con loro e soprattutto passare una giornata in armonia. Si inizia sempre in cucina con la preparazione della lista degli acquisti per le portate che si vuole realizzare e la generosità ed abbondanza sono i migliori biglietti da visita perché gli ospiti capiscano che erano graditi, ma il giorno dopo il dramma: 'cosa farne?'. Portare gli esuberi ai punti di raccolta per i meno fortunati non è possibile per il cibo perché? Sembra impossibile, ma oggi nel 2015 il cibo donato se non confezionato e chiuso con scadenza e lotto viene rifiutato dagli addetti al lavoro per prevenzione e per paura che... Basterebbe chiedere un documento e codice fiscale, e far firmare un foglio con la liberatoria per chi riceve e poi offrire, ma le difficoltà si cercano sempre anziché donare un pasto caldo con alimenti diversi e soprattutto nati per appagare gli animi gentili degli amici e parenti. Allora non resta che riutilizzare questi alimenti per costruire nuove pietanze qui deve intervenire la fantasia e la maestria delle casalinghe. Pensate ai pandori che con delle spennellate di crema di caffè e crema pasticcera e mascarpone possono diventare dei tiramisù alternativi, oppure i panettoni tagliati a fette e poi inzuppati con alkermes e scaglie di cioccolato fondente e crema pasticcera a strati diventeranno delle zuppe inglesi, invece i Babbà al Rhum tagliati a cubetti e poi ricoperti con panna montata e scaglie di cioccolato con fili di caramello caldo, diventeranno dolce napoletano con caramello. I dolci sono i più difficili da recuperare e offrire in forma nuova soprattutto dopo le feste che l'alimentazione è stata un'abbondanza di tutto. Ma la carne in esubero cosa farne? Provate a pensare d'avere un pezzo d'arrosto di pranzo e un pezzo di bollito magro della cena, un po' di pancetta degli affettati e del pane raffermo, questo non manca mai ed è un vero peccato cestinarlo nei cassonetti dell'umido, ed allora che andrete a fare uno sformato di carne.


Ingredienti: circa gr. 150 d'arrosto di carne rossa, gr. 150 bollito di polpa magra, gr. 100 di pancetta, 2 panini di pane raffermo, gr. 50 latte intero, gr. 100 formaggio grattugiato, 2 uova intere, qualche gheriglio di noci e qualche mandorla dolce.


Preparazione: Passate al tritatutto le due carni e possibilmente fatele diventare finissime. Mettete i panini a mollo nel latte e sbriciolateli al fine che assorbano totalmente il liquido. La pancetta la taglierete al coltello a dadini piccolissimi. Le noci e le mandorle le taglierete al coltello rendendole a pezzettini grossolani. In una bastardella aggiungerete le carni tritate, la pancetta, il pane, la frutta secca, il formaggio grattugiato e le uova, aggiusterete di sale e un pizzico di pepe nero, mescolerete energicamente con una forchetta. Se desiderate, voi potrete ancora aggiungere un po' d'uvetta rinvenuta al moscato o un asti spumante. Imburrerete una pirofila a pareti alte, e verserete all'interno il composto fatto, avrete l'accuratezza d'aggiungere qualche pezzettino di burro e qualche gheriglio di noce. Non aggiungerete nessun sapore tipo cipolla, aglio, ecc. ecc. Passate in forno caldo alla temperatura di 180° e farete cuocere per circa 30 minuti. Potrete servire caldo, tagliandolo a fette ed accompagnare con una cucchiaiata di fonduta, oppure farete raffreddare e servirete sopra uno zoccolo di radicchio rosso spruzzato d'aceto balsamico, oppure sopra uno zoccolo di 'salset' e condirete con un filo d'olio extravergine d'oliva o anche di nocciole.


Naturalmente il pane raffermo potrete accompagnarlo facendolo prima dorare in padella e strofinandolo con dell'aglio e del burro. Il vino d'abbinamento potrebbe essere una barbera, ma anche un Bonarda o un Merlot. Ricordatevi sempre che tutte le cose mangiate e bevute con moderazione è sinonimo di vita sicura e in salute. Il detto per il nuovo anno 2015 è 'Fai che il cibo sia la tua medicina per vivere sano e in salute'.

Silvano Osella

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento