DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Mezzo secolo di Fortino


La discoteca festeggia i suoi primi 50 anni

Giovedì 29, Marzo 2018
in  Valli Po e Infernotto


PAESANA- 50 anni di Fortino Disco! La discoteca paesanese, che ha ospitato generazioni e generazioni di giovani saluzzesi, festeggia il mezzo secolo di vita.
Alzi la mano chi, tra coloro che hanno dai 75 anni in giù, non è mai andato a ballare al Fortino. Un locale divenuto icona del divertimento e della musica, meta dei sabati sera con gli amici, luogo che ha fatto incontrare molte persone, discoteca che ha fatto nascere storie e 'amori'.
Ma torniamo per un momento indietro, a quel 14 aprile 1968, giorno di Pasqua: «L'inaugurazione del Fortino avvenne proprio in quella data, con una serata danzante riservata alle coppie». A raccontarci la storia di questo mezzo secolo è Romano Vallerotto, titolare del Fortino Disco con il figlio Paolo: «Insieme a mia moglie Graziella (scomparsa prematuramente proprio alcuni mesi fa) decidemmo di tuffarci in quest'avventura. In realtà Paesana non era nuova ai locali di intrattenimento, si ballava alla Colletta, si ballava in Via Crissolo, e mio suocero (il vulcanico Giovanni Battista Mattio) aveva il Pino Verde da almeno 10 anni. E fu proprio lui, insieme alla moglie Margherita Marossero, a condividere la titolarità della nuova impresa e a dare la sua impronta dinamica al Fortino Disco»
Alla fine degli anni '70 si registró il primo grande cambiamento: «Sì, introducemmo il 'doppio sistema', con la discoteca da un lato, per un pubblico più giovane, e il liscio in un'altra sala, per una tipologia di utenza dall'età media più elevata».
Dal 1970 al 1980, esattamente per dieci anni, a dare ulteriore visibilità e lustro alla realtà paesanese, ci pensó anche 'Radio Fortino', che aveva la propria sede nello stabile di via Belloni e le cui frequenze (grazie a dei potenti ripetitori) raggiungevano buona parte della pianura padana.
Il suo momento clou, il Fortino lo visse proprio negli anni '80: «Gli anni dei concorsi delle miss, delle orchestre e dei grandi cantanti- prosegue il 68enne Romano -: da Nicola di Bari a Patty Pravo.... Gli anni coincidenti con un primo ampliamento della discoteca, nella zona verso via Belloni, con la creazione di 4-5 ambienti. In tanti ricorderanno il 'palco girevole', con gli artisti che si preparavano 'all'interno', come se fossero in un camerino adiacente, poi il palco girava e ci si ritrovava tra la gente».
Nel '93 una delle pagine più difficili, con il crollo di una sala in conseguenza ad una nevicata che aveva portato 1 metro e 20 centimetri di neve, a cui aveva fatto seguito un violento temporale. La struttura non resse e il risultato fu una chiusura di 6 mesi di quella sala.
Vent'anni fa (proprio alla fine degli anni '90), per far fronte alla crisi del settore (coincidente con l'avvento dei pub e di altri locali per giovani) e per venire incontro alle richieste della clientela, l'ultima grande evoluzione, con la nascita dello Shock, nell'ala posta perpendicolarmente all'edificio storico. «Inizió una nuova tipologia di lavoro, con proposte musicali molto diverse, a seconda delle serate».
Oggi il complesso del Fortino si estende su un'area di 5000 mq, con 3-4 sale che possono ospitare, contemporaneamente, eventi di genere molto differente. In 50 anni le abitudini sono cambiate radicalmente; proviamo, sempre con l'aiuto di Romano Vallerotto, ad evidenziarne alcune: «Un tempo si ballava il giovedì, il sabato e la domenica, oggi è rimasta una sera alla settimana: il sabato». 
La provenienza della clientela: «Per decenni la nostra clientela è arrivata da tutto il saluzzese, spesso incontro persone che mi riconoscono e mi dicono: 'io venivo a ballare al Fortino 40 anni fa...' e magari oggi si ritrovano a trasportare i figli o, in alcuni casi, i nipoti. Oggi, peró, il raggio d'azione si è ampliato molto. Prima si veniva a ballare in auto, oggi in pullman, e abbiamo autobus che il sabato sera arrivano anche da Milano o Genova».
Per non parlare degli orari: «Un tempo aprivamo alle 20.30 e avevamo la coda in cortile già ben prima dell'orario di apertura, e si andava avanti fino all'una e mezza (veglioni a parte). Oggi si apre alle 23 e si va prosegue fino alle 4 o alle 5».
Più giovani o giovanissimi gli attuali fruitori del Fortino? «Si va dai 16 ai 30 anni, amanti della musica tekno e commerciale. Discorso diverso per la sala del liscio, frequentata da una clientela la cui età media è decisamente 'più adulta'». Difficile quantificare quante persone siano passate in mezzo secolo al Fortino: «Ipotizzo 100.000 persone l'anno, nei tempi buoni», numeri che oggi si potrebbero essere ridotti di 20-30.000 unità annue, ma che restano comunque assolutamente elevate, e che si riflettono anche sul piano occupazionale: «Nelle serate 'buone' sono una cinquantina le persone impiegate, in vari ambiti».
Uno sguardo al fronte sicurezza. Negli ultimi anni, in corrispondenza di serate e di eventi importanti, si sono registrate situazioni in cui il paese è stato messo 'a ferro e fuoco', con episodi di vandalismo che non hanno risparmiato le vie e le case del centro. Visto dall'interno della discoteca, che cosa sta succedendo ai giovani? «Ció che posso dire va in controtendenza rispetto a quanto si puó sentire 'da fuori'. Oggi la nostra clientela è sicuramente più 'pulita' e tranquilla di un tempo. Certo, devo dire che sono cambiati anche i controlli, abbiamo un servizio d'ordine interno impeccabile, e c'è una grande collaborazione con le forze dell'ordine all'esterno, ma all'interno del locale non succede nulla. Posso tranquillamente affermare che, al Fortino, c'erano più 'teste calde' 30 anni fa di quante ce ne sono oggi, si beveva molto di più un tempo di quanto si consumi oggi... Ricordo che preparavamo delle quantità di cocktail incredibili... Oggi tutto questo non c'è più».
E, per festeggiare queste 'nozze d'oro', Romano e Paolo stanno pensando, per i prossimi mesi, ad un festival estivo all'aperto, legato alla musica tekno: «Ma per ora siamo solo nel campo delle ipotesi...».
Insomma... 50 anni e non sentirli... Buon compleanno Fortino!
enrico miolano

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento