DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Nucleo di lusso per anziani a Dronero


Giovedì 12, Aprile 2018
in  Valle Maira


DRONERO- A due anni dall'inaugurazione dei 10 posti letto al primo piano dell'ala storica dell'ospedale san Camillo, giovedì 5 aprile il sindaco di Dronero Livio Acchiardi ha tagliato il nastro di un nuovo nucleo da 10 posti per anziani non autosufficienti ristrutturato al secondo piano. «Nonostante il momento difficile ci sono in zona molte richieste, non solo a Dronero, ma anche da Cuneo, Boves, Borgo, tant'è che non abbiamo mai esaurito la lista d'attesa- ha spiegato Sergio Demaria, presidente dell'Ipab dronerese- 10 posti in più non sono grande cosa, ma è un modo per rispondere all'aumento del numero di anziani che hanno bisogno di assistenza: rimangono a casa fino ad un certo punto, poi diventa difficilissimo, se non impossibile, per le famiglie continuare a seguirli». Con l'inaugurazione del nuovo nucleo l'ospedale San Camillo passa da 70 a 80 posti letto ed aumenteranno di conseguenza anche i posti di lavoro, con l'assunzione di 4-5 operatori in più.
Oltre alle cinque camere a due letti con bagno ed al luminoso corridoio vetrato, il repartino al secondo piano è dotato di un bagno assistito attrezzato per ospiti non autosufficienti, una saletta infermeria ed un' ampia sala da pranzo. La struttura dispone di filodiffusione ed anche di rete wifi (installata per rispondere alle esigenze di un ospite più giovane della media).
I lavori di ristrutturazione sono stati realizzati dalla ditta Fantino di Cuneo seguendo le indicazioni della Soprintendenza e sono costati all'incirca 550 mila euro. Oltre la metà della cifra è stata coperta con un mutuo contratto presso la Banca di credito cooperativo di Caraglio che è venuta incontro all'amministrazione del San Camillo concordando «un tasso di interesse decisamente basso e concorrenziale che grava relativamente sulle nostre casse» ha sottolineato il presidente Demaria. Un contributo a fondo perduto è stato concesso dalla Fondazione CrTorino ed è stato determinante per la conclusione dei lavori il cospicuo lascito di un'ospite della struttura, Anna Mangini, deceduta mesi fa.
Il sindaco Livio Acchiardi intervenuto nell'ampio salone vetrato al pianoterra prima di indossare la fascia tricolore per tagliare il nastro, ha insistito sulla necessità di «erogare servizi a costi sostenibili. Dobbiamo un profondo rispetto a chi ci ha preceduto e la possibilità di avere una qualità di vita dignitosa fino all'ultimo».
Le rette mensili per gli anziani ospiti del San Camillo (da 1.800 a 2.100 euro), come quelle della maggior parte delle strutture per anziani, per la verità, sono decisamente al di sopra della media delle pensioni degli ospiti e visto che l'Asl non garantisce il convenzionamento per tutti i posti per non autosufficienti (al San Camillo 40 posti su 80 sono convenzionati con metà retta a carico della sanità), le famiglie devono integrare di tasca propria cifre importanti.
susanna agnese

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento