DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Ordinazione diaconale per Adriano


Nella parrocchiale di Costigliole

Mercoledì 25, Aprile 2018
in  Valle Varaita


COSTIGLIOLE - Ancora una celebrazione solenne nella chiesa parrocchiale di Costigliole Saluzzo ad appena una settimana dalla celebrazione delle Cresime. Ancora una volta una chiesa gremita al massimo della sua capienza per partecipare alla ordinazione diaconale di don Adriano Anghilante che da anni si prepara per questo ministero.
Tanti sacerdoti, tanti diaconi, il parroco don Silvio, tanti fedeli giunti anche da molto lontano e soprattutto la sua famiglia si sono uniti in preghiera con lui per condividere questo prezioso momento nel quale monsignor Cristiano Bodo ha imposto le mani per consacrarlo in un ministero che lo vedrà 'pietra viva' della Chiesa di Saluzzo.
È stata una santa Messa partecipata e coinvolgente con momenti di grande intensità guidati da un cerimoniale curato nei dettagli e con l'accompagnamento di canti che hanno reso solenne tutta la celebrazione.
L'ordinazione diaconale è stata programmata non a caso nella giornata dedicata alle vocazioni e il Vescovo nell'omelia ha esortato ciascuno a vivere con intensità la propria vocazione e a interrogarsi se 'il Buon Pastore' non stia chiamando proprio qualcuno in particolare a seguire l'esempio di Adriano.
E' sotto gli occhi di tutti la carenza di vocazioni nella Chiesa ma è anche vero che oggi è diventata una scelta scomoda e controcorrente a differenza di qualche decina di anni fa quando essere prete o diacono poteva portare con sé dei privilegi e agevolazioni particolari.
Per questo la scelta di Anghilante diventa nello stesso tempo il coronamento di un 'sogno nel cassetto' e un gesto di coraggiosa testimonianza.
Nel ringraziamento rivolto al termine della celebrazione don Adriano ha spiegato il senso della scelta di essere Diacono e non Sacerdote perché questo lo colloca direttamente nel cuore della società ed in particolare dentro al mondo del lavoro dove lui si sente di dover testimoniare la fede nel Cristo Risorto.
Questa sua scelta era confermata da una folta presenza di colleghi della ITT di Barge dove svolge il suo lavoro ed è stato bello vedere le manifestazioni di affetto che gli hanno tributato, prima con la loro presenza e partecipazione alla celebrazione e poi con regali e gesti di affetto manifestati al termine della funzione.
Infatti, dopo la messa, tutti i presenti sono stati invitati a ritrovarsi in oratorio per un rinfresco per festeggiare insieme questa grande gioia. 
A questo rinfresco don Adriano si è presentato con la talare, segno distintivo dei sacerdoti e dei diaconi che taluni ritengono motivo di distacco e di distanza dalla gente comune mentre altri lo intendono come segno visibile di una scelta di una bella testimonianza. 
Ora il Diacono, fresco di ordinazione, inizia un capitolo nuovo della sua vita e noi ci uniamo a lui nella preghiera sicuri che la sua testimonianza della fede non avrà tentennamenti e che i suoi servizi alla Chiesa e alla Comunità saranno veramente preziosi, un vero dono di Dio al suo popolo in cammino.
renato chiapello

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento