DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Papa Francesco in visita ai luoghi di Padre Pio


Giovedì 15, Marzo 2018
in  Vita Ecclesiale


In occasione del 100° anniversario della stigmatizzazione di padre Pio e nel 50° della sua santa morte, Papa Francesco si fa pellegrino presso i luoghi che diedero i natali a quest'umile frate e sacerdote cappuccino, visitando, il 17 marzo, dapprima Pietrelcina e poi San Giovanni Rotondo dove  egli visse dal 1918 fino alla sua santa morte. 
Papa Francesco  aveva voluto che la reliquia del corpo del santo Padre Pio fosse trasportata a Roma in occasione del Giubileo della Misericordia. Era il 6 febbraio del 2016. Un'iniziativa, che fu accolta con molto fervore dai tanti devoti e simpatizzanti di questo santo frate. Anche gli appartenenti al gruppo di Preghiera della nostra diocesi che, solitamente ogni mese si ritrova insieme per l'ora di preghiera presso la Chiesa dei Cappuccini, parteciparono a questo momento molto forte e commovente. Durante l'omelia papa Francesco presentó il santo frate come modello di 'ascolto e di ascolto misericordioso' dei tanti penitenti che andavano a confessarsi da lui. 
Padre Pio, infatti, passava tante ore in confessionale ed era accogliente con i peccatori ma molto severo contro il peccato. Egli non solo curó le malattie dell'anima ma volle dar inizio alla 'Casa sollievo della sofferenza' per curare i corpi. Questa grandiosa opera finanziata dalle offerte dei tanti devoti cominció dal 1947 e fu inaugurata solennemente dal cardinal Lercaro nel 1956. Compito di quest'opera era la cura e la prevenzione di tante malattie ed oggi è un'eccellenza della sanità regionale pugliese e nazionale. Qui i medici e tutto il personale, seguendo le raccomandazioni del santo Padre Pio, cercano di riconoscere la presenza di Cristo nelle persone inferme e bisognose di cure e di vicinanza.
La visita di Papa Francesco mette in risalto la figura di questo Santo che nella sua vita visse di preghiera e di sacramenti. Si consumó per gli altri. Papa Francesco sarà così il terzo Papa che si reca a San Giovanni Rotondo. 
Per primo si recó S. Giovanni Paolo II nel 1987, anno centenario della nascita di Padre Pio, quando il Santo Frate non era ancora stato canonizzato dalla Chiesa. Carol Woyrtila da giovane, sacerdote e studente a Roma, era stato nel 1948 a S. Giovanni Rotondo e aveva incontrato il Padre e si era da lui confessato. Poi vi era stato da cardinale ed arcivescovo di Cracovia nel 1974. La sua visita del 1987 diede un notevole impulso al processo canonico diocesano di beatificazione. 
Nel 2009 Papa Benedetto XVI andó a San Giovanni Rotondo per la prima ostensione del corpo del Santo frate, proclamando 'Padre Pio come modello di perfezione cristiana, un testimone di fede attraverso la preghiera e la carità'.
Con questa visita Papa Francesco ci addita un santo che in vita non sempre fu capito, anzi molto discusso, e anche limitato per un certo periodo nel suo ministero, ma ora la Chiesa lo presenta a noi come vero testimone di amore a Gesù e di dedizione ai poveri e ai peccatori.
oreste franco

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento