DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Riammissione alla rateazione


Giovedì 6, Ottobre 2016
in  Consulenza legale


La circolare dell'Agenzia delle Entrate n. 41/E fornisce le istruzioni per avvalersi della possibilità, prevista dal D.L. 133/2016, di ottenere un nuovo piano di rateazione una volta che si è decaduti da una precedente dilazione; questa opportunità scade il prossimo 20 ottobre.
Possono essere riammessi alla rateazione i contribuenti che:
·    hanno definito le somme dovute mediante adesione all'accertamento, al processo verbale di constatazione o all'invito a comparire, oppure hanno prestato acquiescenza all'accertamento; rimangono invece escluse le somme definite a seguito di conciliazione e mediazione
·    hanno optato per il pagamento in forma rateale
·    sono decaduti dal piano di rateazione in quanto, dopo aver effettuato il versamento della prima rata, non hanno provveduto al versamento di una rata (diversa dalla prima) entro il termine di pagamento della rata successiva.
Per rientrare nell'ambito applicativo della riammissione, la decadenza dalla precedente rateazione deve essersi verificata nell'arco temporale compreso tra il 16 ottobre 2015 e il 1 luglio 2016.
La richiesta del nuovo piano rateale da parte del contribuente decaduto deve essere presentata all'ufficio competente dell'Agenzia delle Entrate entro il 20 ottobre 2016 mediante un'istanza in carta semplice, che deve riportare l'indicazione degli estremi dell'atto a cui si riferisce il piano di rateazione decaduto nonché del numero delle rate trimestrali in cui si intende pagare l'importo ancora dovuto. Da parte sua l'Agenzia, una volta ricevuta e verificata l'istanza del contribuente, sospende i carichi pendenti ed elabora un nuovo piano, informando il contribuente circa l'accoglimento dell'istanza presentata. La comunicazione indica l'importo della rata iniziale che deve essere versato mediante F24 nei 60 giorni successivi alla ricezione. Effettuato il versamento, il contribuente deve far pervenire, entro 10 giorni, la quietanza all'Ufficio competente, il quale, sulla base della data di effettivo pagamento della prima rata, provvede a predisporre il piano di rateazione definitivo, con la corretta indicazione delle scadenze trimestrali delle rate successive e dei relativi importi dovuti.
dott. Marco Ballatore

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento