DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Riammissione alla rateazione


Giovedě 6, Ottobre 2016
in  Consulenza legale


La circolare dell'Agenzia delle Entrate n. 41/E fornisce le istruzioni per avvalersi della possibilità, prevista dal D.L. 133/2016, di ottenere un nuovo piano di rateazione una volta che si è decaduti da una precedente dilazione; questa opportunità scade il prossimo 20 ottobre.
Possono essere riammessi alla rateazione i contribuenti che:
·    hanno definito le somme dovute mediante adesione all'accertamento, al processo verbale di constatazione o all'invito a comparire, oppure hanno prestato acquiescenza all'accertamento; rimangono invece escluse le somme definite a seguito di conciliazione e mediazione
·    hanno optato per il pagamento in forma rateale
·    sono decaduti dal piano di rateazione in quanto, dopo aver effettuato il versamento della prima rata, non hanno provveduto al versamento di una rata (diversa dalla prima) entro il termine di pagamento della rata successiva.
Per rientrare nell'ambito applicativo della riammissione, la decadenza dalla precedente rateazione deve essersi verificata nell'arco temporale compreso tra il 16 ottobre 2015 e il 1 luglio 2016.
La richiesta del nuovo piano rateale da parte del contribuente decaduto deve essere presentata all'ufficio competente dell'Agenzia delle Entrate entro il 20 ottobre 2016 mediante un'istanza in carta semplice, che deve riportare l'indicazione degli estremi dell'atto a cui si riferisce il piano di rateazione decaduto nonché del numero delle rate trimestrali in cui si intende pagare l'importo ancora dovuto. Da parte sua l'Agenzia, una volta ricevuta e verificata l'istanza del contribuente, sospende i carichi pendenti ed elabora un nuovo piano, informando il contribuente circa l'accoglimento dell'istanza presentata. La comunicazione indica l'importo della rata iniziale che deve essere versato mediante F24 nei 60 giorni successivi alla ricezione. Effettuato il versamento, il contribuente deve far pervenire, entro 10 giorni, la quietanza all'Ufficio competente, il quale, sulla base della data di effettivo pagamento della prima rata, provvede a predisporre il piano di rateazione definitivo, con la corretta indicazione delle scadenze trimestrali delle rate successive e dei relativi importi dovuti.
dott. Marco Ballatore

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva - Cf. - Reg. Imprese CN n. 01893690048
Rea n. CN-142932
Direttore Responsabile: Mario BANCHIO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© SOCIETA' EDITRICE SALE E LUCE - SOCIETA' COOPERATIVA - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)