Giovedì 26 al Castello di Lagnasco

La fisarmonica di Galliano

Lagnasco

Dopo aver aperto questa quarta edizione in pianura a inizio mese, il festival “Occit’Amo” lascia temporaneamente le terre alte per il secondo e ultimo appuntamento musicale a pagamento della rassegna, con un abbinamento tra artista e location che si annuncia affascinante. Giovedì 26 luglio dalle 21.30 presso i Castelli Tapparelli D’Azeglio a Lagnasco sarà protagonista il fisarmonicista Richard Galliano, con il concerto EXILS.
Galliano torna nel saluzzese per deliziare il pubblico con le sue capacità musicali, che spaziano dalla classica al jazz, utilizzando la fisarmonica e il bandoneon, strumento immancabilmente utilizzato nel tango. Il musicista francese, figlio d’arte, ha appreso i segreti del pianoforte e della fisarmonica dal padre Lucien, per poi approfondire gli studi al conservatorio di Nizza, diretto da Pierre Cochereau. Trasferitosi a Parigi continua la sua intensa attività, e nel 1980 incontra l’immenso Astor Piazzolla, che gli consiglia di creare lo stile francese “New Musette”, sulla scia del “New Tango” argentino creato da quest’ultimo.
Servizio completo sul Corriere in edicola giovedì 26 luglio.

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.