Ricerche nella Villa Romana

Negli scavi spunta un'anfora

Ricerche nella Villa Romana

COSTIGLIOLE - Si è conclusa sabato 8 settembre scorso la nuova campagna di scavi effettuata dal Dipartimento di Studi Storici dell’Università degli Studi di Torino, con 25 persones ul campo tra studenti e dottorandi,  nell’area del sito poco distante dalle Scuole del paese dove è stato riportato alla luce l’impianto di un’azienda agricola di epoca romana.
Ogni anno che passa (gli scavi hanno avuto inizio nel 2003) il sito di Costigliole assume sempre più importanza per la complessità delle strutture tornate alla luce, delle quali non si comprende ancora appieno la loro funzione: alla villa romana distrutta da un incendio in età imperiale si sono aggiunte pertinenze che portano a pensare ad una funzione di accoglienza dei viandanti sulla via delle Gallie e, dagli ultimi scavi, ad una presenza di altri imponenti edifici ai quali si cercherà di attribuire una funzione specifica.
«Il sito di Costigliole è un unicum - ci spiega la professoressa Valeria Meirano - che è già stato presentato in importanti convegni a livello nazionale. Nella campagna 2018 abbiamo anche avuto la collaborazione di tre studenti francesi, due della Sorbona di Parigi e uno dell’Università di Nizza».
La campagna 2018 era iniziata lo scorso 20 agosto.
n. g.

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.