Banda di sei sinti accusata di 30 furti in casa

Agganciavano le vittime in strada

Cuneo

Sei ordinanze di custodia cautelare (tre in carcere e tre obblighi di dimora), numerose perquisizioni  con sequestro di refurtiva ed il controllo del campo nomadi di via Passatore a Cuneo.
Questo è il bilancio dell’attività svolta dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Cuneo e dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Cuneo con il coordinamento della Procura della Repubblica di Cuneo nei confronti di sei persone, tutte nomadi di etnia  sinti, che nel corso di circa sei mesi (da fine ottobre 2017 a inizio aprile 2018), si sono resi responsabili di 30 furti in abitazione ed una rapina  (da Cuneo a Busca, da Cervasca ad Alba, da Saluzzo a Verzuolo e Bra) per un valore stimato della refurtiva (in prevalenza denaro contante e gioielli) di circa 55.000 euro.

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.