Domenica presenti all'Angelus del Papa

Cresimati saluzzesi a Roma

Cresimati, accompagnati da catechisti, animatori e alcuni sacerdoti, hanno accettato l’invito dell’Ufficio Catechistico per rinnovare a un anno di distanza il sacramento ricevuto. Il programma è stato ricco e intenso. Restano nel cuore i momenti e le occasioni di condivisione e preghiera.
I ragazzi sono stati guidati attraverso un percorso insolito all’interno delle mura vaticane. Dalla calma dei giardini, creati da secoli perché San Pietro restasse anche un luogo di silenzio e contemplazione, passando sotto la finestra dove vive Benedetto XVI, sono entrati nella calca impressionante dei Musei vaticani. Tra capolavori d’ogni epoca, sono stati assorbiti dalla turba, fin dentro la maestosa basilica di San Pietro. Qui, accolti dal gentile personale che attendeva il gruppo, sono tornati quasi in una bolla di pace, presso l’Altare della Confessione, dietro il Baldacchino del Bernini. Mezz’ora di preghiera e silenzio, che ha permesso di gustare il rinnovo delle promesse battesimali. 
«Dal pranzo alla sera, abbiamo girato con ammirazione nella Roma imperiale, giocando, dialogando e pregando. Dopo cena la Messa a Sacrofano ha concluso la ricca giornata. La domenica, Padre Maurizio Botta, dell’Oratorio di San Filippo Neri ci ha donato una catechesi impressionante e diretta» spiegano i partecipanti. 
La fede dell’adolescente è possibile, ed è una sfida da vivere. 
«Entrati in piazza san Pietro, abbiamo aspettato l’Angelus godendoci lo scorcio, sotto un cielo romantico. Le parole che Papa Francesco ha voluto dedicare al nostro gruppo, infine, ci hanno profondamente commosso». 
“Un pensiero speciale rivolgo ai ragazzi della Cresima della diocesi di Saluzzo. Siate coraggiosi testimoni di Gesù e del Vangelo! Con la Cresima dobbiamo crescere sempre in coraggio, siate sempre coraggiosi!”
 

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.