Bagno di folla per la Cuneo-Pinerolo

La Granda saluta il Giro

Saluzzo

Si avvicina a grandi passi l’epilogo del Giro d’Italia 2019, che vive con la cronometro Verona-Verona l’attesa tappa finale. Chi salirà sul gradino più alto del podio, succedendo così al britannico Chris Froome? Il pronostico, mai come ora, è apertissimo, con almeno quattro atleti in grado di dire la loro sino alla frazione conclusiva. La sorpresa Carapaz, lo “Squalo” Nibali, il favorito della vigilia Roglic e Mikel Landa, per rimanere tra le prime posizioni della classifica generale, hanno eguali possibilità di puntare alla maglia rosa, ma saranno ancora una volta le grandi montagne a decidere le sorti del 102° Giro ciclistico d’Italia. 
Un Giro, quello 2019, che ha regalato ancora tanti giorni di passione sportiva per i tifosi piemontesi. Due tappe interamente vissute sul territorio regionale, la Cuneo-Pinerolo di giovedì 23 (fortemente voluta dall’imprenditore innamorato delle due ruote Elvio Chiatellino) e la Pinerolo-Ceresole Reale di venerdì 24; una partenza, quella della Ivrea-Como di domenica 26 ed un arrivo, quello della Carpi-Novi Ligure di mercoledì 22, doveroso omaggio alla memoria del Campionissimo Fausto Coppi nel centenario della nascita a Castellania e nel settantesimo anniversario della Cuneo-Pinerolo del 1949, la frazione delle cinque durissime salite e dell’ “uomo solo al comando”. La Provincia Granda, per l’occasione, ha indossato il suo vestito più bello, riservando ai corridori, ai team e alle migliaia di tifosi un’accoglienza indimenticabile lungo tutto il percorso, nei centri grandi e in quelli piccoli, magari solo attraversati dalla corsa. Anche il meteo ha dato una mano agli organizzatori, regalando al cuneese una giornata splendida dopo tanta pioggia per una tappa tutta nella massima sicurezza per atleti e sportivi. Un Giro, l’unica manifestazione che porta lo sport direttamente sotto casa, che non vorremmo finisse mai. 
Ma una volta finita l’“ubriacatura” resta la sicurezza che anche nel 2020 le strade tra Granda e Giro saranno unite.
Ampi servizi sul Corriere in edicola giovedì 30 maggio.
 

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.