Il sindaco Calderoni scrive al presidente Conte e al ministro Bonafede

Tribunale ancora senza risposte

Saluzzo

Tribunale di Saluzzo, un paradosso tutto Italiano. A 6 mesi di distanza dall’ultimo sollecito da parte del Comune di Saluzzo, il Ministero della Giustizia non ha ancora concesso il nulla osta per il riutilizzo dei locali vuoti.
Questo nonostante il responsabile del patrimonio dell’Asl Cn1, Mario Zevola, abbia informato il sindaco di Saluzzo sul rischio di interrompere i servizi all’utenza nel caso la situazione non si sblocchi.
L’Asl ha infatti bisogno di conoscere quando potrà prendere possesso del Tribunale, visto che stanno per scadere i contratti degli edifici nel complesso dove sono ospitati attualmente gli uffici.
Senza contare la questione in sospeso della nuova sede Polstrada, che se non si sbloccherà il Tribunale rischia di lasciare Saluzzo alla volta di Verzuolo. Calderoni ha risposto all’Asl con una lettera inviata anche al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.
Servizio completo sul Corriere in edicola giovedì 19 settembre

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.