Ha ospitato 629 africani

Chiuso il dormitorio Pas

Saluzzo

E' finita la stagione della frutta e venerdì 22 novembre, sotto un cielo plumbeo, ha chiuso il dormitorio Pas allestito dal Comune al Foro boario. Al momento della chiusura erano una sessantina i braccianti sistemati nel capannone della ex caserma Filippi. 38 di essi avevano in mano un contratto di lavoro in corso e in parte sono stati trasferiti nei posti liberi delle accoglienze diffuse (che chiudono venerdì 29 novembre), in parte presso le aziende. Gli altri hanno radunato l’indispensabile in borse, valige e sacchi di plastica che hanno caricato alla meno peggio sulla bicicletta e si sono avviati sotto il viale lastricato di foglie.
Nel corso dell’estate, secondo i dati in possesso del Comune, il dormitorio Pas (che conta 368 posti letto) ha ospitato 629 persone, mentre sono stimati in 500 circa coloro che pur non essendo alloggiati al dormitorio, hanno usufruito dei servizi (igienici, docce, cucina). Pur mettendo a disposizione oltre 360 posti letto nella ex caserma (senza contare le accoglienze diffuse sul territorio), infatti, centinaia di africani non hanno trovato ospitalità e da metà luglio il sindaco ha aperto l’ultimo tratto del viale del foro boario dove è stata allestita una tendopoli dietro il muro di lamiera.
La spesa complessiva per la gestione del Pas, ma il dato non è definitivo, si aggira su 170-180 mila euro che in parte sono coperti dai contributi versati dagli stagionali (finora sono stati incassati 27 mila euro) mentre per quanto riguarda le aziende  il Comune provvederà a contattarle tramite lettera per invitarle a contribuire; alcune hanno già versato il loro contributo per una cifra che ad oggi si aggira su 4.800 euro.
susanna agnese

 

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.