A breve si darà l’addio allo storico marchio

La Crs si fonde con Bra

Saluzzo

La Cassa di risparmio di Saluzzo, compie un ulteriore passo verso la chiusura definitiva del marchio. Il Consiglio di Amministrazione di Bper Banca nei giorni scorsi ha approvato il progetto di fusione per incorporazione di Cassa di risparmio di Bra e di Cassa di risparmio di Saluzzo all’interno del gruppo Bper. 
L’operazione, rientra nell’ambito delle iniziative previste dal piano industriale che puntano alla semplificazione e alla razionalizzazione della struttura organizzativa e di governo del Gruppo, nonché un miglioramento dell’efficienza operativa e un più agevole presidio e controllo dei rischi. 
I due consigli di amministrazione di Bra e di Bper, assistiti da un advisor finanziario, hanno determinato il rapporto di cambio: un’azione ordinaria Bper ogni quattordici azioni ordinarie Cr Bra. Il procedimento relativo alla fusione di Bra ha carattere ordinario, visto che Bper detiene una partecipazione al capitale della stessa pari all’84%, mentre quello relativo alla fusione di Saluzzo ha natura semplificata, in quanto Bper ne detiene l’intero capitale sociale. 
Nelle prossime settimane saranno, pertanto, emesse 1.237.500 azioni ordinarie Bper, godimento regolare, aventi le stesse caratteristiche delle azioni in circolazione al momento dell’emissione, da assegnare ai soci di Bra diversi da Bper. 
L’operazione è subordinata all’autorizzazione dell’Autorità di Vigilanza, in seguito alla quale sarà possibile, sottoporre il progetto all’approvazione delle Assemblee straordinarie di Bper e delle due Casse di risparmio.

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.