Busca: Il commento del padre alla sentenza di condanna dei giudici

Giovane abusato dall’amico di famiglia

 «È una sentenza scandalosa»: è indignato il 56enne buschese, padre adottivo di un ragazzo autistico di 23 anni che quando ne aveva 18 è stato ripetutamente abusato sessualmente dal migliore amico del genitore al quale era stato affidato per accompagnarlo a scuola. 
L’uomo, all’epoca 60enne, aveva patteggiato nel 2017 una pena di 22 mesi con la condizionale e un risarcimento di 5 mila euro. Il procuratore generale della Corte di appello di Torino, su sollecitazione del padre, aveva presentato ricorso in Cassazione ottenendo l’annullamento della prima sentenza. Tutto da rifare e nuovo processo a Cuneo dove, il 12 giugno scorso, al termine del secondo procedimento, i giudici hanno confermato sostanzialmente il giudizio del 2017, limitandosi ad incrementare di 7 mila euro la cifra dovuta come risarcimento. Per il padre è quasi una beffa.
susanna agnese
Servizio completo sul Corriere in edicola giovedì 25 giugno.

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.