Saluzzo : Formalizzata l'acquisizione degli stabilimenti di Saluzzo e La Loggia

La Mahle è salva: trovato l’accordo

Mahle diventa Imr: è stato siglato l’accordo per l’acquisizione degli stabilimenti di Saluzzo e La Loggia. L’ufficialità è giunta questa sera, mercoledì 29 luglio, al termine dell’incontro con il Mise che era stato rinviato per la formalizzazione di alcuni dettagli burocratici.
I sindacati sciolgono il riserbo sul nome dell’imprenditore: si tratta dell’italiana Imr Industries, di proprietà della famiglia Galmarini, che rilancerà la produzione nel settore automotive, realizzando componenti per la carrozzeria di auto e camion. L'operazione di acquisto salva i 158 lavoratori dello stabilimento di via Giangia.
Il nuovo piano industriale prevede investimenti per 20 milioni di euro: gli impianti, attualmente esistenti, verranno completamente smantellati e sostituiti da nuovi macchinari. I due siti industriali di Saluzzo e La loggia torneranno ad essere operativi entro un anno, durante il quale il personale verrà istruito sui nuovi strumenti e tecniche di produzione. 
Dopo l'assemblea con i lavoratori prevista nella mattinata di domani, i rappresentanti dei sindacati Fiom, Cgil e Fismic incontreranno, venerdì nella sala consiglio del palazzo Comunale, gli amministratori per illustrare gli esiti della vertenza.

 

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.