SALUZZO: il comune recupera il pieno possesso dell’immobile di corso Roma

L'ex Tribunale "torna a casa"

SALUZZO «Ci sono voluti 6 anni, ma alla fine ce l’abbiamo fatta. La caparbietà ha premiato» dice con soddisfazione l’onorevole Chiara Gribaudo, questa mattina, lunedì 3 agosto in sala consiglio di Palazzo civico, in occasione della visita del sottosegretario alla Giustizia, dottor Andrea Giorgis. 
L’incontro con i membri di Giunta e Consiglio ha voluto suggellare il definitivo ritorno dell’edificio del Tribunale, alla città di Saluzzo. 
«Oggi aver recuperato il pieno possesso di un immobile prestigioso, sia dal punto di vista architettonico che per la sua collocazione e dimensioni, è un risultato importante. Significa aver raggiunto l’obiettivo che abbiamo continuato a perseguire in questi anni di continue richieste al Governo centrale». Con queste parole il Sindaco Mauro Calderoni commenta il buon esito di una vicenda complessa che si è sbloccata in virtù di un adeguamento normativo, inserito nel Decreto legge Rilancio. Come ha spiegato il sottosegretario alla Giustizia Giorgis, la norma prevede che immobili inutilizzati possano tornare nella disponibilità della Amministrazioni locali.
L’ex Tribunale di corso Roma continuerà, in parte, ad essere utilizzato per l’attività giudiziaria: a Saluzzo, infatti, ci sono ancora l’ufficio del Giudice di pace, parte dell’archivio e degli arredi. «Le procedure per lo scarto e lo sgombero del materiale rimasto non sono semplici e potrebbero andare per le lunghe» ha affermato il presidente del Tribunale di Cuneo, Paolo Demarchi. 
Intanto, i locali disponibili possono essere utilizzati fin da subito, e in questo momento è stata data priorità alla scuola. Diventa concreta l’ipotesi di trasferire, nell’ex Tribunale, alcune classi del plesso Pivano, ad esempio, che si è rilevato troppo piccolo per consentire di svolgere le lezioni nel rispetto delle norme di sicurezza sanitaria.
La destinazione scolastica sarà provvisoria in attesa di individuare la destinazione d’uso definitiva.

Nell'immagine, da sinistra, l’onorevole Gribaudo, il primo cittadino Calderoni e il sottosegretario alla Giustizia, Giorgis durante l'incontro con Giunta e Consiglio, lunedì 3 agosto in Comune

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.