:

Giovedì 17 settembre

Nuovo appuntamento con l’arte presso la Chiesa di Santa Maria del Monastero, a Manta: sabato 19 settembre, alle ore 18,00, nel giardino antistante lo splendido scrigno dell’XI secolo, uno dei più antichi monumenti cristiani del Piemonte sud-occidentale, si terrà l’inaugurazione di “+conuclei”, mostra personale dell’artista Luca Giordana.
La rassegna, organizzata dall’Associazione Culturale Idearte, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Manta, è stata pensata appositamente per gli spazi espositivi e presenta un progetto installativo capace di dare vita ad una fusione di luci e ombre in un’unica entità. 
Ciò che Giordana intende rappresentare in questo contesto non vuole essere la riproduzione di una pura illustrazione della realtà, ma un’occasione di riflessione circa la possibilità di creare immagini all’interno delle quali è racchiuso il reale, percepibile attraverso una sintesi di sensazioni. 
Il tutto può essere leggibile come una profonda interpretazione della ricerca dell’opera di Francis Bacon, alla quale l’artista si ispira. Un fenomeno di osmosi dei due modi di vedere, simili ma contrari quasi come fosse un fenomeno biologico del sincizio, la fusione di due o più cellule tra loro, con la formazione di una sola cellula multinucleata.
«L come Linea, come Luca, che prende i segni della mano e li separa da sé, e li confonde per cavarne nebulose di galassie intercambiabili – scrive Angelo Calvisi, continuando - e bocche rosse come fragole di sangue, e occhi che cantano una musica a un palmo dai tuoi occhi. G come Grovigli, come Giordana, che spalanca ali tuffatrici, e le accartoccia, le nasconde nell’acqua, perché il suo sguardo ti basti per domani, prima che tutto si distrugga e bruci, per trasparenza, per cominciare un’altra volta». 
Info: 338.3525585.
 

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.