Saluzzo: La nuova antenna Wind sarà a servizio delle valli Bronda e Po

Il ripetitore è in funzione

SALUZZO Il 3 aprile del 1973 veniva effettuata a New York la prima chiamata da un telefono cellulare portatile. Sono passati 47 anni da quel giorno e il telefonino di strada ne ha fatto parecchia, arrivando ad essere lo smartphone che tutti conoscono. 
Non in valle Bronda, da sempre alle prese con problemi di voce e connettività dovuti alla mancanza di un ripetitore capace di coprire l’intera zona. Il problema è stato superato solo in questi giorni grazie all’intraprendenza del Comune di Saluzzo e dell’amministrazione del Municipio valligiano, che hanno provveduto ad installare una nuova antenna per il segnale. 
Martedì 20 ottobre una telefonata tra il pro sindaco Eros Demarchi e il sindaco di Saluzzo Mauro Calderoni ha inaugurato la nuova connettività castellarese. I lavori per l’installazione del ripetitore avevano preso il via nel mese di maggio. Per la realizzazione degli scavi per la fondazione del traliccio, l’armatura del getto di calcestruzzo era stato impiegato un elicottero. Sempre con elicottero è stato successivamente trasportato ed issato il traliccio.
Servizio completo sul Corriere in edicola giovedì 22 ottobre.

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.