:

Melanzane nella storica rosetta di pane

INGREDIENTI: 1 Kg melanzane, 4 cipolle dorate, 1 scatola di pelati, 1 noce di burro di circa 20 gr., 1 rametto di rosmarino, 5 foglie di salvia, 1 rametto dragoncello, 1 foglia di alloro, 1 rametto di timo, 1 rametto di maggiorana, 1 cuore di sedano verde, 200 gr crema di latte, 1 pizzico di pepe nero, 1 pizzico di sale, 4 rosette di pane, 1 dl vino bianco secco.
PREPARAZIONE: Le melanzane dovremo privarle del picciolo, poi le taglieremo a metà e le copriremo di sale grosso. Le faremo riposare così per una trentina di minuti perché elimini l’acqua amara contenuta nella polpa. Dopo le scoliamo e mettiamo ad appassire nel forno caldo a 180° per 20 minuti. Le faremo raffreddare e poi le priveremo della buccia. La polpa la tagliamo a pezzettini molto piccoli. Prendiamo tutte le erbe aromatiche, togliamo solo le foglioline senza i rametti e le mettiamo in un mortaio con la noce di burro e pestiamo affinché otteniamo un impasto omogeneo.
In una pentola a fiamma bassissima mettiamo l’impasto del mortaio e le cipolle mondate e tagliate a listarelle sottilissime. Quando le cipolle saranno appassite si dovranno aggiungere i pelati precedentemente tagliati a dadini e privati del liquido contenuto nel barattolo. Il liquido del barattolo non dovrà essere cestinato, ma potrà essere usato per salse nel futuro. 
Si cuocerà il tutto per una decina di minuti, si aggiungerà alla fine la polpa delle melanzane tagliate a pezzettini e per ultimo la crema di latte. Nel frattempo avremo svuotato le rosette dalla mollica e nel buco centrale che avremo fatto le spruzziamo con un vino bianco secco e le metteremo a dorare in un forno già caldo a 200° per un paio di minuti. Tireremo fuori le rosette dal forno e nel frattempo le melanzane hanno finito la cottura e le useremo per fare il ripieno delle rosette. 
Serviremo immediatamente in piatti riscaldati e se desideriamo potremo spruzzare con un battuto di solo dragoncello e fiori di rosmarino. Una portata semplicemente eccezionale da costi molto moderati, a differenza del tempo da dedicarsi che è piuttosto elevato. 
La cucina è passione, il tempo dedicato a lei, sarà ed è un piacere della vita, perché privarsene?