Tarantasca: La minoranza attacca, replica il sindaco Armando

"Progetti al palo e poco coraggio"

Consiglio comunale a Tarantasca, il 23 febbraio, formalmente “a porte chiuse”, ma di fatto ci ha pensato la minoranza a rendere pubblica la seduta con un comunicato stampa che già dal titolo “progetti al palo e poco coraggio” la dice lunga sulla posizione rispetto all’operato della maggioranza.
Gabriele Rosso, Alessia Perano e Silvia Taricco, (Insieme per Tarantasca) pur riconoscendo le difficoltà del periodo attuale, denunciano un’amministrazione che si limita a gestire l’ordinario senza portare avanti progetti a lungo termine come il Centro Polivalente di San Chiaffredo, in comproprietà con il comune di Busca, che da anni attende i lavori di ultimazione e, come sottolinea il capogruppo Rosso “ogni anno impone costi di manutenzione e deve fare i conti con il deterioramento della struttura incompleta”. Un’altra spina nel fianco è la pista ciclabile dal concentrico del paese alle frazioni Tasnere e Santa Cristina, che al momento rimane solo una promessa così come la viabilità da migliorare, il problema dei parcheggi e del doppio senso di marcia in via Vittorio Veneto.
Il Sindaco, Giancarlo Armando, ribatte elencando i servizi ospitati presso il Centro di San Chiaffredo ed aggiunge: “L’unico tassello da completare è il salone polivalente – aggiunge Armando  – la volontà politica c’è da entrambi i Comuni e lo stanziamento di somme sui bilanci correnti lo dimostra” mentre sulla pista ciclabile precisa che il suolo non è di proprietà del Comune ma della Provincia per cui sta a quest’ultima metterlo a disposizione per effettuare i lavori.
Nella foto il Centro polivalente di San Chiaffredo di Tarantasca-Busca

L’articolo completo sul Corriere di Saluzzo di giovedì 4 marzo 2021

 

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.