Acchiappamostre di Anna Cavallera

Dialoghi

Prosegue il grave momento d’incertezza determinato dalla crisi pandemica in corso e sono numerose le testimonianze di una resistenza creativa che pervengono dal meraviglioso mondo dell’arte, da ogni piccola o grande realtà che costituisce, a vario titolo e a diverse latitudini, fonte di nutrimento essenziale per l’animo umano. 
Il gallerista Fabrizio Quiriti, presidente dell’ Associazione culturale Ego Bianchi di Cuneo, costituitasi nel 2014 in occasione del centenario dalla nascita di Ego Bianchi, nel tentativo di mantenere e ravvivare la collaborazione instaurata nel tempo con gli artisti iscritti alla realtà associativa cuneese, ha dato vita al progetto espositivo intitolato “Dialoghi”, condiviso con l’amico e collega gallerista Piero Senesi, dell’Associazione L’Onda di Savigliano.
La doppia mostra che prenderà il via sabato 27 marzo è già stata allestita sia presso la sede dell’associazione Ego Bianchi in via Schiaparelli 20 a Cuneo, sia in via Sant’Andrea 44 a Savigliano, negli spazi espositivi de L’Onda, seguendo il protocollo di sicurezza Covid-19, ovvero nel rispetto delle direttive relative alla sanificazione quotidiana degli spazi, mettendo a disposizione dei visitatori il materiale per l’igienizzazione delle mani e delle scarpe (con appositi copri-scarpe) e l’uso delle mascherine (fornite anche direttamente), oltre alla tenuta di un registro sul quale verranno registrate le presenze, al fine di monitorare il flusso dei visitatori. 
In attesa di poterne fruire in presenza, non appena il Governo decreterà la riapertura degli spazi espositivi, la rassegna sarà presentata in forma virtuale sui canali social delle rispettive associazioni, piattaforma in cui verranno anticipate le opere dei ventinove artisti selezionati. 
Questi sono: Roberta Astegiano, Dario Beatovic, Micaela L.R. Calliero, Mario Conte, Cornelio Cerato, Christian Costa, Roberto De Siena, Irene Durbano, Marco Garavelli, Ugo Giletta, Enzo Gonella, Tommy Goodman, Pier Giuseppe Imberti, Pier Renzo Lingua, Alberto Marubbi, Claudio Giuseppe Migliore, Mauro Milani, Corrado Odifreddi, Domenico Olivero, Maurizio Ovidi, Massimo Ovidi, Marco Pagliero, Carole Peia, Luna Potenziere, Cristina Saimandi, Claudio Sardo, Francesca Serra, Luca Selvini e Mario Tible. 
Come racconta Fabrizio Quiriti, ogni artista sarà presente con tre opere che saranno esposte a rotazione nelle due diverse sedi, pertanto, per consentire una maggiore visibilità dei lavori esposti, la mostra resterà aperta sino al 31 maggio. Un’occasione, dunque, per riavviare il piacere della condivisione di idee e di bellezza attraverso le opere create dalla fantasia degli artisti. 
Domenico Olivero, artista cuneese poliedrico e sperimentale, dall’impianto fortemente concettuale, nella prefazione al catalogo, narra come «proprio opponendosi all’isolamento forzato di quest’anno si vuole riattivare il valore dell’incontrarsi, dell’importanza che essere comunità può generare cambiamenti, proprio nel colloquio, che permette a due o più persone di conoscersi e comunicare il proprio esistere, si trasforma ed evolve la nostra società, che cresce e diventa sempre più meravigliosa. 
Questo incontro reciproco è alla base della società umana, dalle ere antiche al nostro presente il continuo dialogo ha prodotto il nostro stupendo quotidiano, la sua creazione e il suo sviluppo che prosegue nel futuro.
Spesso si pensa il fare artistico come un semplice evento intimo, che prende forma individualmente, ma quasi sempre un’opera nasce dalla percezione che l’artista ha nel viversi parte della comunità umana, creando opere che sono fonte di riflessione e dialogo. 
Che siano nella forma di un disegno, un quadro, una scultura o una fotografia, questi manufatti diventano la sua voce che si presenta aperta al visitatore, che può condividere, approfondire, conoscere, aprire confronti e visioni. 
Da questi incontri prendono forma emozioni, idee, creazioni che le associazioni Ego Bianchi di Cuneo e L’Onda di Savigliano vogliono evidenziare e sostenere nel loro essere realtà culturali di grande respiro».

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.