Saluzzo: Il commosso saluto alla mamma del Vescovo

"Ora sarà presente in modo diverso dal cielo"

Alcuni Vescovi, numerosi sacerdoti, autorità civili e militari, tanta gente comune e amici, si sono stretti attorno a mons. Cristiano Bodo giovedì 13 maggio in Duomo per il funerale della mamma Maria Grazia Vicario ved. Bodo.
L’arcivescovo di Vercelli mons. Marco Arnolfo, che ha presieduto il rito funebre, ha rivolto due pensieri durante l’omelia: uno alla mamma, uno al confratello Cristiano.
Prendendo spunto dalle letture mons. Arnolfo ha ricordato i tratti della fede limpida e profonda della signora Grazia, fatta di rosari e ascolto della Parola; una fede però tradotta anche in opere, seguendo la fervida fantasia di don Cristiano, soprattutto in oratorio.
«Negli ultimi tempi forse aveva percepito di aver compiuto la sua missione di mamma e di animatrice» ha aggiunto l’arcivescovo di Vercelli citando Santa Monica.
Il secondo pensiero è stato per mons. Cristiano, al quale ha ricordato le raccomandazioni premurose della mamma rivolte al figlio. «Mamma Grazia adesso è presente in modo diverso, in cielo. Fai affidamento alla Madre della divina provvidenza. Non sei solo. Preti, diaconi e fedeli della tua amata diocesi di Saluzzo sono con te, sono la tua famiglia» ha aggiunto mons. Arnolfo.
Quindi la lettura dei saluti del card. Tarcisio Bertone, del card. Giuseppe Versaldi, di mons. Dino Marchiò, di mons. Mario Giordana, di mons. Guido Marini e di padre Federico Lombardi.
Un messaggio di vicinanza a mons. Cristiano Bodo è arrivato anche da Pierluigi Dovis, a nome delle Caritas del Piemonte.
Il vicario generale don Beppe Dalmasso ha fatto da portavoce del Vescovo di Saluzzo, ringraziando i Vescovi intervenuti, gli amici di Vercelli, i presbiteri di Saluzzo, le autorità militari e civili. Un ringraziamento da parte di mons. Bodo ai medici e al personale dell’Ospedale di Saluzzo per la premurosa assistenza che hanno assicurato alla sua mamma.
«Mons. Cristiano, noi siamo la tua famiglia» ha aggiunto don Beppe Dalmasso.
Un abbraccio istituzionale, ma non formale, quello del sindaco di Saluzzo Mauro Calderoni, il quale ha rimarcato il proficuo rapporto instauratosi tra le autorità civili e quelle religiose, grazie all’intraprendenza e la collaborazione con mons. Cristiano Bodo.
Venerdì 14 maggio l’estremo saluto alla signora Grazia nella sua Vercelli, prima della tumulazione nella tomba di famiglia, accanto al marito Adriano.

Foto di Mauro Piovano

 

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.