Saluzzo: Si parla del restauro del campanile della parrocchia di Envie

La lunga notte delle Chiese

Giunge alla sua sesta edizione, venerdì 4 giugno, “La lunga notte delle Chiese”, una giornata in cui i luoghi di culto delle nostre città si animano di iniziative artistiche e culturali in una chiave di riflessione e spiritualità.
Il tema della sesta edizione ha come parola chiave “fragili” e l'interrogativo attorno a cui verterà una riflessione è “Ed io avrò cura di te?”
La Diocesi di Saluzzo aderisce a “La lunga notte delle Chiese”, proponendo venerdì 4 giugno alle ore 20, presso la Sala Verde del Palazzo dei Vescovi di Saluzzo, un viaggio alla scoperta della bellezza, in particolare del campanile romanico della chiesa parrocchiale di Envie.
L'evento è proposto dal Museo Diocesano Palazzo dei Vescovi di Saluzzo, Casa della Carità e Casa della Cultura.
Nuovamente in presenza ed in sicurezza, nella Sala Verde dell'antico Episcopio, Marco Tanga illustrerà l'avvenuto restauro della torre campanaria di San Marcellino ad Envie.
La chiesa parrocchiale di San Marcellino è documentata dall'anno 1161. L'edificio di culto, già attribuito a Filippo Juvarra, venne riplasmato nel 1758 su progetto di Paolo Ottavio Ruffino. Il celebre architetto di Cavallermaggiore inglobò nella ricostruzione l’imponente campanile romanico, recante importanti dipinti murari di epoca medievale, caratterizzati dalla presenza dello stemma dei signori del luogo, i Cacherano di Envie, munifici committenti, unitamente a quello Savoia, in un’epoca in cui la località sorgeva sul confine con il Marchesato di Saluzzo.
La serata sarà occasione per celebrare la rinascita di un territorio che vive nel fervore della candidatura a Capitale italiana della cultura 2024 anche attraverso la cura del proprio patrimonio culturale (#saluzzomonviso2024).
È necessaria la prenotazione, scrivendo all’indirizzo mail beniculturali@diocesisaluzzo.it.

 

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.