Saluzzo: Natale per tutti, ma non di tutti

Solennità dell'Epifania

«I Magi sono i rappresentanti di tutta l'umanità. Ciò che essi trovano lo ottengono per tutti». Con queste parole, San Leone Magno ci parla dei misteriosi personaggi della festa dell'Epifania menzionati dal Vangelo, a cui la tradizione ha attribuito i nomi di Melchiorre, Gaspare e Baldassarre e il numero di tre.
Anche nei nostri presepi sono i protagonisti indiscussi della festa dell'Epifania, specialmente dove si conserva la buona abitudine di aggiungere le loro statuette, in compagnia degli immancabili cammelli o dromedari, proprio il 6 di gennaio.
Storicamente si iniziò a celebrare questa solennità in Oriente – il suo stesso nome ce lo fa intuire – come la festa dell'apparizione di Gesù nella carne. Con il formalizzarsi della festa del Natale, in modo particolare in Occidente, la celebrazione dell'Epifania – ricollegandosi al racconto evangelico dei Magi – assume la connotazione propria della rivelazione di Gesù al mondo pagano: la salvezza apparsa in Gesù non è più appannaggio di un popolo, ma indistintamente viene offerta a tutti.
Di fronte a tutto ciò, talvolta, si corre il rischio di guardare a quanto raccontato da Matteo come ad uno degli eventi del Natale, con la coloritura esotica dei saggi re venuti da Oriente o con il chiaroscuro dovuto alla fredda ferocia del re Erode. Ma il presepio dell'Epifania, in realtà, si mostra ai nostri occhi come il “presepio delle contraddizioni”, o meglio, come il “presepio dell'originalità cristiana”: sconosciuti e pagani saggi si mettono in cammino per cercare il Re dei giudei, mentre coloro che appartengono a questo popolo nulla sanno della nascita del loro Re; i Magi mossi dal profondo del loro cuore gioiranno nel trovare il bambino a Betlemme, mentre a Gerusalemme si turberanno gli animi dei più; i Re venuti da lontano si inchinano ed offrono doni a Gesù, invece Erode si sente detronizzato e medita come seminare morte per rinsaldare il suo trono; i saggi d'Oriente si erano rivolti agli scribi di Israele per conoscere il luogo dove fosse nato il re dei Giudei, Erode con malizia chiede ai magi di riportargli informazioni; e ancor più paradossalmente, i saggi di Gerusalemme non si metteranno in cammino verso Betlemme, a differenza di coloro che da lontano giungevano.

Articolo completo sul Corriere in edicola

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.