Saluzzo: Era stato sindaco di Castellar e volontario Caritas

Addio a Emanuele Grosso

Lutto nel mondo del volontariato sociale per la scomparsa di Emanuele Grosso, 85 anni, infermiere in pensione. Era molto conosciuto e apprezzato per il suo grande impegno nella vita della comunità e nel mondo cattolico, per l’attenzione verso i più fragili. L’uomo, malato da tempo, si è spento nel primo pomeriggio di oggi, giovedì 13 gennaio, nella casa di riposo Villa Michelis - Allasina di Venasca.
Originario di Giaveno, si era trasferito nel saluzzese e da almeno quarant’anni risiedeva a Castellar. «Si era integrato bene nella nostra comunità, prendendo parte attiva alla vita del paese, fino a ricoprire la carica di assessore prima, sindaco poi». Così il prosindaco Eros Demarchi che ricorda Grosso come un amministratore determinato a perseguire i propri ideali, ma anche aperto al dialogo e al confronto con l’opposizione.
Emanuele è stato primo cittadino di Castellar, tra il 1994 e il 1999 quando era subentrato a Franco Borretta, vicesindaco durante il successivo mandato di Liliana Borretta. Era stato il promotore del gemellaggio di Castellar con l’omonimo comune francese vicino a Mentone.
Diplomato alla scuola infermieri dell’Ospedale di Savigliano, aveva iniziato la sua professione al Consorzio Monviso solidale, dove aveva proseguito come volontario, perchè nel frattempo era stato assunto dall’allora Usl 63.
Fino a qualche anno fa è stato il punto di riferimento del centro di ascolto della Caritas diocesana dove, dal 2001, prestava la sua opera come volontario, in stretta collaborazione con la compianta direttrice Anna Maria Olivero Busso. «Persona di grande integrità morale, è stato un esempio di dedizione totale, di capacità di ascolto e vicinanza a tutti quelli che si rivolgevano al centro» ricorda il direttore della Caritas, Carlo Rubiolo, trattenendo a stendo la commozione.
Emanuele Grosso, lascia i figli Juli e Bruno; i funerali si svolgeranno in forma strettamente privata.

Nella foto, Emanuele Grosso al telefono del centro di ascolto Caritas.

 

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.