I ragazzi leggono di Mara Dompè

Il tè della nonna

Come ogni mercoledì, Tino, accompagnato dal papà, va a prendere il tè dalla nonna. Ma andare a prendere il tè dalla nonna non è quella banale abitudine da bravo nipotino che ci si potrebbe aspettare. Prima di tutto, per raggiungere casa sua bisogna percorrere una strada molto più insidiosa del sentiero nel bosco di Cappuccetto Rosso. Si tratta della strada numero zero zero, sulla quale aleggia perennemente una nebbiolina grigia e guasta, una strada spettrale ricoperta da un asfalto viscido, simile a bava di belva, e costeggiata da alberi dalla corteccia macilenta e da catapecchie cadenti. Per non parlare della fauna del luogo: topi, pantegane e pipistrelli, scoiattoli assassini, gatti mordichiappe. Ma Tino, nonostante il tragitto poco invitante, ci tiene ad andare dalla nonna: il suo dolcissimo tè nero di fango, che lascia una crema da prendere a cucchiaini sul fondo della tazza, è una vera squisitezza. È la nonna stessa a prepararlo, raccogliendo, sminuzzando e miscelando tutto quello che serve. E Tino sta per scoprire che il suo tè speciale ha anche delle fantastiche e inaspettate proprietà.
Il testo, semplice, breve e impaginato rispettando criteri di alta leggibilità, è adatto ai primi lettori, a partire dai sei anni. 

Cristina Marsi, 
Il tè della nonna, illustrazioni di Francesca Carabelli, Sinnos, 8,50 euro.