Acchiappamostre di Anna Cavallera

La mostra della settimana

L’attività della CSA Farm Gallery di Torino (by Mauricrenaissanceart) si rinnova con l’esposizione “Per una Vita Nova” dedicata all’opera di AGRE, l’artista Antonio Agresti che sarà inaugurata giovedì 5 maggio dalle 16 alle 20. Il suo lavoro di ricerca, fortemente grafico e cromatico, è incentrato sui temi dell’ecologia e della sostenibilità ambientale, aspetti che attenziona anche attraverso l’utilizzo di carte, manifesti e legni, donando così nuova vita a “scarti” che altrimenti finirebbero distrutti. Prendono così corpo collage di carta su tela, assemblage in carta su listelli e tavolette di legno recuperato, dai colori sgargianti, dalle linee “architettoniche” ed affascinanti nella loro naturalezza e semplicità. 
Nel percorso espositivo curato dal gallerista Marcello Corazzini vengono presentati nove collage su tela e sette assemblage dai quali emerge il suo fare artistico. Un’arte che, come sottolinea Enrico S.Laterza nel testo di presentazione alla mostra (dal quale ne trae spunto il titolo della mostra) è caratterizzata da fraseggi di versi (i collage su tela) e prosa (gli assemblage di legno e carte). 
L’opera di AGRE ha già accolto il favore del pubblico e della critica in occasione di numerose mostre collettive organizzate dalla CSA Farm Galley, come Visioni del mondo 1 – SCARTO – Di fronte ai tuoi occhi e in fiera a Parma nel 2020. 
In occasione dell’apertura della rassegna sarà anche possibile visitare lo spazio riallestito dell’Atelier Bersezio con le opere in permanenza. A rotazione saranno esposte opere storiche, nuovi progetti ed attività dedicate al lavoro artistico di Enzo Bersezio. Saranno anche organizzati eventi con gli artisti che hanno incrociato il proprio percorso con la sua lunga attività creativa. 
Orari: dal martedì al sabato dalle 16 alle 19,30.


Le altre mostre

La Fondazione Ferrero di Alba è pronta ad inaugurare una nuova prestigiosa stagione espositiva con la mostra “Soffiantino tra oggetto e indefinito”. 
La rassegna, dedicata al pittore e incisore torinese Giacomo Soffiantino (1929-2013) è curata da Luca Beatrice, Michele Bramante e Adriano Olivieri ed aprirà al pubblico sabato 7 maggio. Il progetto curatoriale presenta un ritmo biografico e tematico e costituisce la più ampia ed esaustiva ricognizione storico-espositiva mai dedicata all’opera e alla vita di Giacomo Soffiantino. 
Sette sezioni ricostruiscono doviziosamente l’agire artistico di Soffiantino attraverso una selezione di oltre 50 opere: un percorso in tappe che conduce il visitatore alla scoperta del lavoro dell’artista a partire dagli esordi, caratterizzati da un approccio aniconico-informale nutrito da influenze internazionali, passando poi per la sensibilità “naturalistica” delle opere mature sino agli esiti più recenti degli anni Dieci del Duemila. 
Fino al 30 giugno. Orari: dalle 15 alle 18 tutti i giorni. Ingresso libero.

* * * * *

A Manta di Saluzzo, nell’Ex Chiesa di Santa Maria del Monastero è visitabile la mostra “Visioni” dell’artista Oscar Giachino. Curata da Fabrizio Garelli, la rassegna costituisce l’ottava tappa espositiva della rassegna provinciale grandArte 2022 – HELP – humanity, ecology, liberty, politics organizzata in collaborazione con il Comune di Manta e l’associazione IdeArte e presenta una serie di opere inedite, realizzate dall’artista con la tecnica dell’incisione, in cui il paesaggio è il tema predominante. 
I paesaggi di Giachino presenti in mostra si dividono sommariamente in tre filoni narrativi: le marine, tema ormai consolidato dell’autore, che ricalcando l’immaginario dell’arte romantica e quello della letteratura ottocentesca, si aprono a nuove soluzioni tecniche. Quindi le rovine, tese a tratteggiare il tema della memoria e l’ineluttabile trascorrere del tempo ed infine un nuovo ciclo di paesaggi, più personale, che prende il nome di “Ricordi dal Beinale”, omonima zona rurale cara all’artista, luogo in cui troviamo l’esatta unione tra natura e la mano dell’uomo, tra ricordi d’infanzia e nuove poetiche. 
Fino al 29 maggio, il sabato e la domenica dalle ore 15.30 alle 18 con ingresso libero, nel rispetto della normativa anti Covid.