Acchiappamostre di Anna Cavallera

La mostra della settimana

I Musei Reali di Torino ospitano, nei giardini, nel cortile e al loro interno, la mostra Animali a Corte. Vite mai viste nei Giardini Reali: un percorso di arte contemporanea che interpreta inedite e stupefacenti forme di vita.
L’esposizione, per una parte visitabile gratuitamente all’interno dei Giardini Reali, si inserisce nel progetto Vite sulla Terra, e intende portare l’attenzione del pubblico sulle innumerevoli forme di vita che abitano il nostro pianeta, in particolare sugli animali. Una presa di coscienza della fragilità del nostro pianeta che valorizza due degli obiettivi strategici dell’Agenda ONU 2030: #14vita sott’acqua e #15 vita sulla terra. Il percorso, che conta oltre 25 installazioni, si snoda in parte nei Giardini Reali, elemento fondante dell’identità dei Musei Reali, nonché prezioso luogo di socialità. I visitatori possono ammirare le sculture immergendosi in uno zoo silenzioso e statico. L’esposizione si sviluppa anche tra le sale di Palazzo Reale, dell’Armeria e della Galleria Sabauda, dove il pubblico può scoprire le insospettabili connessioni che legano le sculture contemporanee agli animali raffigurati nelle collezioni. Tra gli artisti presenti si segnala il saluzzese Nicola Bolla, con le opere Struzzi, 2003, Pappagalli, 2000/2010 e Orpheus dream, 2007, collocate negli ambienti di Palazzo Reale, Sala dei Corazzieri; Gabinetto Cinese e Sala da Ballo, Maura Banfo con Nido, tra le mura del Boschetto, Jessica Carrol, con Panchina alveare, presso il Giardino del Duca/Boschetto, Ezio Gribaudo, presente all’ingresso della Manica Nuova dal Giardino del Duca con Stegosauro, Luigi Mainolfi, con Solcavallo nel Giardino di Levante e presso la Terrazza di Palazzo Reale, e Mario Merz, con Senza titolo (doppio igloo di Porto), nel Boschetto/Giardino di Levante.

Le altre mostre

Nelle Gallerie d’Italia di Torino, il nuovo complesso museale aperto nel mese di maggio in Piazza San Carlo, è visitabile la mostra La fragile meraviglia. Un viaggio nella natura che cambia, dedicata agli scatti di Paolo Pellegrin, uno dei protagonisti assoluti del panorama fotografico internazionale. L’esposizione affronta uno dei temi cruciali della contemporaneità: il rapporto tra l’uomo e il suo ambiente naturale. Il progetto che ha impegnato il fotografo per oltre un anno, e che lo ha visto muoversi in diverse zone del mondo alla ricerca delle tracce e della presenza dei quattro elementi – terra, acqua, aria e fuoco – attorno ai quali l’umanità si è interrogata sin dai suoi albori, conferendo loro valori spirituali che vanno ben al di là delle conoscenze scientifiche. L’esposizione si compone di foto inedite, spesso presentate sotto forma di installazione, che trasformano lo spazio delle Gallerie d’Italia di Torino in un luogo di esposizione, ma anche di apparizione. Fino al 4 settembre, dalle 09:30 alle 19:30; martedì, giovedi, venerdì, sabato, domenica dalle 9.30 alle 19.30; mercoledi dalle 9.30 alle 22.30; lunedì chiuso.
 
* * * * *
Il Castello di Agliè, residenza sabauda nel Canavese gestita dalla Direzione regionale Musei Piemonte del Ministero della cultura, ospita, fino a domenica 11 settembre 2022, “Storie di fili. Mostra di marionette dalla collezione Marionette Grilli”. L’esposizione, curata da Augusto Grilli e Mariarosa Scalero, presenta marionette, oggetti e scenari appartenuti a importanti compagnie italiane dell’Ottocento, facenti parte della prestigiosa collezione della famiglia Grilli. Il percorso tratteggia un viaggio fantastico attraverso i diversi momenti storici che hanno accompagnato la vita dell’uomo dalle origini ai giorni nostri, rappresentati nel magico mondo delle marionette. Una vita in miniatura in cui si ritrovano tutti gli elementi della vita reale, offrendo al visitatore livelli di lettura molteplici. Le marionette, che per secoli sono state foriere delle notizie del momento, come una sorta di antesignano telegiornale, suscitano ancora oggi forti emozioni nella loro fissa espressività scolpita in volto da mani sapienti, quasi taciti testimoni di epoche passate. Orari: sabato e domenica 9.00-12.00 / 14.00-18.00. Info: 0124 330102.