Acchiappamostre di Anna Cavallera

La mostra della settimana

Dieci sculture in bronzo realizzate da Sergio Unia arricchiscono gli spazi antistanti all’ingresso del castello di Grinzane Cavour, nell’ambito della mostra d’arte contemporanea diffusa intitolata “Forme e Colori”, curata da da Andrea Vero e Ausilia Battaglia, con l’organizzazione dei Cavalieri delle Langhe Aps. 
Dieci figure femminili di straordinaria bellezza accompagnano il pubblico alla scoperta della poetica dell’artista nato a Roccaforte di Mondovì nel 1943, un universo che si compone di fanciulle intente a giocare con un aquilone, accanto ad altre figure femminili che danzano su pattini di ghiaccio, o si cingono le spalle in atteggiamenti riflessivi, mentre scrutano l’orizzonte. 
La luce scorre e scivola sulle lunghe ed esili membra, esalta la pelle liscia e levigata, evidenzia la sensualità e la modernità della scultura modellata dell’artista. Una scultura del porre e del plasmare, non del levare. L’esposizione langarola ripropone il tema privilegiato da Unia, la figura femminile, la bellezza acerba e adolescenziale declinata in lunghi sguardi sui corpi che accentuano e insistono sull’eleganza e l’armonia sottile delle figure. L’attenzione indulge sulla coniugazione di sensualità e grazia, traducendo le visioni in immagini di assoluta bellezza formale. 
La solidità della materia, le forme in movimento, l’articolazione dello spazio traducono i corpi in vitalità: Ùnia, evocando in brevi flash visivi la purezza di un Bartolini della prima metà dell’Ottocento, restituisce l’illusione del vero e crea accordi di reciprocità di luce, di volumi che inseguono concatenazioni di armonie musicali.
Un’altra felice tappa di un lungo cammino nell’arte di Unia, tra le innumerevoli mostre in Italia e all’estero, premi e commissioni autorevoli, opere presenti in collezioni pubbliche e private, opere monumentali sparse in tutta Italia.

Le altre mostre

Negli spazi della Chiesa di San Giovanni, in via Garibaldi 71, a Fossano, è visitabile la mostra “Certi segni” dell’artista Lucio Maria Morra. 
La rassegna, realizzata in collaborazione con Borgo Vecchio – Fossano, è curata da Claudio Mana e rappresenta la quindicesima mostra della rassegna provinciale grandArte 2022 - HELP - humanity, ecology, liberty, politics. 
«Significativi e non trascurabili sono la sua vocazione e il suo impegno per il buddhismo di tradizione Zen- scrive Mana, riferendosi all’artista- Per molti anni il suo interesse è stato rivolto alla Gnomonica, e “l’arte delle meridiane”, come usa definire Lucio, diventa la sua attività principale. Recupera con cura e professionalità moltissime meridiane storiche ormai irriconoscibili sulle facciate nei centri storici, ne crea di nuove, di concerto con le committenze, coniugando alla perfezione gli aspetti strettamente matematici con quelli artistici e decorativi». 
Orari: venerdì, sabato e domenica dalle 17.30 alle 19.30, info e prenotazioni: 3351937905.

* * * * *

Proseguirà sino al 4 settembre, negli spazi del Filatoio Rosso di Caraglio, la mostra “TUTTI I NOMI DI D’IO”. Curata da Francesca Alfano Miglietti, presenta una performance di Antonio Marras, un progetto che non si caratterizza per una tensione alla sperimentazione, ma è volto alla realizzazione di un evento in cui gli elementi poetici e formali sono strettamente coniugati con la dimensione della vita.
 La mostra espone infatti una serie di lenzuoli realizzati in diverse occasioni, su ognuno dei quali sono stati ricamati con il filo rosso i nomi propri e numeri riferiti a catalogazioni e archivi, connessi alle persone. La mostra raccoglie alcuni dei 123 Lenzuoli decorati da persone facenti parti di aggregazioni quali Scuole, Gruppi Privati, Centri Antiviolenza, strutture di Supporto, Università, Fondazioni, Musei, Case Circondariali Femminili, Associazioni e Movimenti.
Silvia Capiluppi con i LenzuoliSOSpesi, le fibrotematiche di Alessandra, Giovanna e Pasqualina di Inquarto Creazioni Artistiche, i ricami di Vincenza Giordano dell’Associazione Di Filo in Filo, sono gli elementi per cui Antonio Marras ha creato un allestimento e per cui ha ideato una performance. 
Orari: dal giovedì al sabato 14.30 - 19; domenica e festivi 10 - 19.