Saluzzo: Passo dopo passo...

Corso di formazione per catechisti

L’Ufficio catechistico diocesano propone un corso di formazione per catechisti, che si terrà nei mesi di settembre ed ottobre, in presenza, all’Oratorio don Bosco di Saluzzo.
«La diocesi offre ai suoi catechisti e coordinatori un corso di formazione in presenza. Saremo formati meglio al metodo dei testi “Passo dopo passo”, con laboratori utili anche a chi non lo ha ancora adottato» spiegano dall’Ufficio catechistico.
Questo il calendario degli incontri.
Domenica 11 settembre – dalle ore 15 alle 19, solo per coordinatori (nuovi ed ex), laboratori e formazione. A Ceretto di Costigliole con apericena offerto.
Per tutti i catechisti, invece, all’Oratorio don Bosco, doppio incontro dalle 15 alle 17 o dalle ore 20.30 alle 22.30.
Giovedì 15 settembre – incontri divisi per anni, alla scoperta degli obiettivi e contenuti di ogni passo.
Giovedì 22 settembre – laboratori di attività da vivere poi con i bambini e ragazzi.
Giovedì 29 settembre – il rapporto con gli adulti.
Giovedì 13 ottobre – dopo la pausa per il Convegno diocesano, laboratori per formare alla preghiera e alla celebrazione.
L’iscrizione costa 10,00 euro, con compilazione del form urly.it/3pr_4 che si trova anche sul sito www.diocesisaluzzo.it – Ufficio catechistico.
Seguirà una celebrazione di incarico dei nuovi coordinatori durante la Veglia missionaria diocesana.
Il corso di formazione per catechisti si colloca nell’ambito di un progetto portato avanti dall’Ufficio diocesano.
«L’Ufficio è impegnato nella formazione e nel cammino di strutturazione più uniforme dei percorsi di iniziazione cristiana. Perché sia significativo, le parrocchie individuano dei coordinatori, che, collaborando con i parroci, aiutano ed incoraggiano i catechisti. Dopo anni di dialogo e discernimento, senza forzature si proceda verso una scelta comune delle età dei sacramenti in diocesi: la celebrazione della Prima Comunione nell’anno della quarta primaria e della Cresima l’anno della seconda media. Entro l’anno pastorale venturo 2023-2024, il Vescovo ci chiede che questo sia fatto in ogni comunità.
A tutti è indicato il cammino “Passo dopo passo” come strumento a cui appoggiarsi. Si possono scegliere per buone ragioni altri strumenti, ma si chiede che questo sia tenuto in seria considerazione come l’itinerario indicato dalla chiesa diocesana».