Venezia: Dalla nostra inviata al Festival del Cinema

Blonde

Marilyn Monroe torna sul grande schermo in “Blonde”, titolo in concorso a Venezia 79 di Andrew Dominik. Il regista riesce a raccontare l’intimità di una donna condannata ad una vita in copertina attraverso una regia forte e personale. Ana de Armas da parte sua si trasforma in Marilyn grazie a trucco e parrucco, ma soprattutto ruba quell’innocenza nel sorriso della diva capace di riportarla in vita nella pellicola. Il cinema è anche questo, un modo per conoscersi quando il tempo non l’ha permesso. “Blonde” non può regalare a Marylin Monroe un altro finale, ma è l’occasione per il pubblico di andare oltre alla diva e stare ad ascoltare la triste storia di Norma Jeane.
serena rumello